Dalla Buona Scuola flop a ‘tutta un’altra scuola’: ecco la nuova proposta di legge targata SI

0
1363
Ultime notizie scuola, giovedì 20 aprile 2017: 'Buona Scuola flop', ecco 'tutta un'altra scuola'
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Di riforme scolastiche ne abbiamo viste tante ma la riforma targata Matteo Renzi, probabilmente, resterà nella storia come quella più criticata e mal voluta dal personale docente. A questo proposito, c’è da segnalare la proposta di legge depositata alla Camera e al Senato da parte della senatrice Alessia Petraglia e dall’onorevole Annalisa Pannarale di Sinistra Italiana.

Ultime notizie scuola, giovedì 20 aprile 2017: ‘Buona Scuola flop’, ecco ‘tutta un’altra scuola’

‘La Buona Scuola è un flop – hanno dichiarato le due esponenti di sinistra. Partendo da qui, nasce l’esigenza di ‘tutta un’altra scuola’, la proposta di Sinistra Italiana che si ponte, tra gli obiettivi principali, quello di sanare il precariato della scuola tramite un piano pluriennale.

‘A quasi due anni dalla legge 107, voluta fortissimamente dall’ex premier, sono troppi i problemi irrisolti, anche rispetto agli obiettivi dichiarati e più volte inutilmente rivendicati. Il caos dei trasferimenti, gli effetti della chiamata diretta dei presidi, il bonus del merito e i risultati dell’alternanza scuola-lavoro, sono lì a testimoniare che la riforma è stato solo un maldestro tentativo di guadagnare il consenso della categoria, ottenendo peraltro il risultato opposto, perché la sensibilità degli insegnanti italiani, tra i più malpagati in Europa, è stata ferita. I docenti, soprattutto, sono stati feriti dalla pretesa di squilibrare il potere a favore dell’uomo solo al comando. Occorre rendere immediatamente disponibili per l’immissione a tempo indeterminato i posti attualmente coperti con incarico annuale, riconoscere il diritto a tutti i diplomati magistrali di entrare nelle GAE, e introdurre l’organico di potenziamento nella scuola dell’infanzia, relegata a Cenerentola dell’Istruzione’.

Sinistra Italiana, ecco la proposta di legge per cambiare

Tra le altre misure contenute nella proposta di legge, si segnala l’obbligatorietà dell’istruzione sino ai 18 anni per combattere la dispersione scolastica, l’abbassamento del numero degli anni per classe per migliorare la qualità della didattica.
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page