Scuola, mobilità docenti 2017: revoca domanda, come ed entro quando? Ecco le scadenze

0
2204
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Uno degli aspetti più importanti del nuovo contratto mobilità personale docente, educativo e ATA per l’anno scolastico 2017/2018 è rappresentato dalla possibilità, concessa al richiedente, di revocare la propria domanda, anche se questa è già stata inoltrata, dopo la scadenza dei termini prefissati. Infatti, il comma 2 dell’articolo 5 spiega che ‘è consentita la revoca delle domande di movimento presentate o la regolarizzazione della documentazione allegata.’

Mobilità docenti 2017/2018: quando e come revocare la domanda già inoltrata

Come si dovrà comportare, quindi, il soggetto che intende avvalersi di questa disposizione? Il comma prosegue affermando che ‘la richiesta di revoca deve essere inviata tramite la scuola di servizio o presentata all’Ufficio territorialmente competente ed è presa in considerazione soltanto se pervenuta non oltre il quinto giorno utile prima del termine ultimo, previsto per ciascuna categoria di personale nell’art. 2 della presente O.M., per la comunicazione al SIDI dei posti disponibili.

Domanda mobilità docenti 2017/2018: entro quando si può revocare? Ecco tutte le scadenze

Rammentiamo, a tal proposito, quelle che sono le sono le scadenze relative alla comunicazione dei posti disponibili al SIDI, ovvero il 22 maggio per la scuola dell’infanzia e la primaria, il 15 giugno per la scuola secondaria di primo grado e il 3 luglio per la scuola secondaria di secondo grado. Ne deriva che il docente che volesse avvalersi della possibilità di revocare la propria domanda di mobilità per l’anno scolastico 2017/2018 già inoltrata lo potrà fare entro cinque giorni prima delle suddette scadenze ovvero entro il prossimo 17 maggio per la scuola dell’infanzia e primaria, entro il 10 giugno per la scuola secondaria di primo grado e, infine, entro il 28 giugno per la scuola secondaria di secondo grado.

Infine, nel caso in cui il docente abbia prodotto più domande, questi sarà tenuto a precisare se intende revocare tutte le domande presentate oppure solamente alcune di esse: qualora tale indicazione non venisse specificata, la revoca riguarderà tutte le domande presentate.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page