Animatori Digitali, news 17/5: in arrivo più di 8 milioni alle scuole

0
545
Animatori Digitali - In arrivo nelle scuole italiane 1.000 euro per favorire l’innovazione digitale. La ministra Fedeli ha già firmato il decreto
Animatori Digitali - In arrivo nelle scuole italiane 1.000 euro per favorire l’innovazione digitale. La ministra Fedeli ha già firmato il decreto
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Novità in vista per gli Animatori Digitali e non solo. Dopo la sua firma, in data 15 maggio 2017, dell’apposito decreto che stanzia più di otto milioni di euro per la diffusione del PNSD, la ministra Valeria Fedeli, ha annunciato l’importante notizia riguardante lo stanziamento di 1.000 euro a tutte le scuole italiane; lo fa durante il suo intervento, tenutosi a Bergamo, all’evento “Verso gli Stati Generali della scuola digitale”.

Valeria Fedeli promette: “Ogni scuola sarà destinataria di un contributo pari a 1.000 euro” per l’attuazione del PNSD

Il provvedimento in oggetto, di cui ha dato notizia in via ufficiale la ministra Fedeli era atteso da molto tempo da tutte le scuole d’Italia. Molti erano i rumors tra gli animatori digitali circa il mancato e ritardato stanziamento di questa somma promessa sin dal 2015 dalla ex ministra Giannini e dall’ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ricordiamo, tra l’altro che i 1.000 euro non sono destinati direttamente agli AD ma esclusivamente alle scuole.

La prima volta che si parlò di tale stanziamento, infatti, fu nell’ottobre 2015, quando si attuò per la prima volta il Piano Nazionale Scuola Digitale (#Pnsd) voluta dal governo per l’ampliamento e la diffusione delle nuove tecnologie digitali utili ai fini didattici e pedagogici nelle scuole italiane di ogni ordine e grado.

Nello specifico, il decreto a cui ha fatto riferimento ieri a Bergamo la titolare del Miur prevede lo stanziamento complessivo di 8,4 milioni di euro. Ogni scuola sarà destinataria di un contributo una tantum di 1.000 euro da destinarsi principalmente per:

  • L’organizzazione di attività e di laboratori;
  • La formazione della comunità scolastica sui temi del Piano Digitale;
  • La creazione e il miglioramento degli ambienti di apprendimento integrati;
  • L’ammodernamento dei siti Internet istituzionali;
  • La diffusione della cultura digitale in tutta la comunità scolastica.

A proposito della figura dell’Animatore Digitale, Valeria Fedeli, durante il suo intervento dichiara: “Crediamo molto nel ruolo degli animatori digitali e nell’importanza di seminare l’innovazione in ogni scuola».

Una piattaforma dedicata agli Animatori Digitali per comunicare, socializzare e programmare

Durante il convegno bergamasco, in cui tra l’altro si è fatto anche il punto della situazione circa l’attuazione del PNSD, la ministra ha annunciato che nei prossimi mesi verrà ‘aperta’ e resa disponibile una piattaforma dedicata proprio agli Animatori Digitali. Questa iniziativa avrà la precisa funzione di favorire la comunicazione e il confronto tra gli AD a proposito delle loro esperienze didattiche; consentirà loro, inoltre, di poter progettare le azioni comuni ritenute valide ai fini dell’avanzamento del Piano Digitale stesso.

Secondo la ministra Valeria Fedeli, la piattaforma consentirà agli Animatori Digitali di poter meglio socializzare: “La piattaforma servirà anche per consentire agli animatori di fare ‘comunità’, di parlare meglio e più frequentemente con il ministero, di condividere esperienze”.

Presto, ulteriori investimenti coinvolgeranno le scuole e gli Animatori Digitali, all’insegna del cambiamento pedagogico

In conclusione, le novità annunciate da Valeria Fedeli a proposito del PNSD riguarderanno ulteriori investimenti da parte del Miur, tutti rivolti a un vero cambiamento tecnologico oltre che a un rinnovamento pedagogico che vedrà coinvolti non solo gli AD ma anche gli studenti del futuro. La ministra conclude: “Il digitale interviene trasversalmente a tutto il sistema educativo, è un campo gravitazionale che traina e informa ogni processo, ma che deve essere governato”.

Link al Piano Nazionale Scuola Digitale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page