Politica, M5S vs Vescovi: è scontro sulle scuole ‘paritarie’

0
523
Muro contro muro tra Beppe Grillo e i vescovi italiani dopo la proposta del M5S di abolire le scuole ‘paritarie’
Muro contro muro tra Beppe Grillo e i vescovi italiani dopo la proposta del M5S di abolire le scuole ‘paritarie’

E’ trascorso circa un mese dalla prima ed ultima intervista che Beppe Grillo ha rilasciato al quotidiano ‘Avvenire’, il noto quotidiano dei vescovi italiani. Dopo le dichiarazioni altisonanti di ieri da parte del M5S sulla scuola con particolare riguardo all’abolizione delle scuole paritarie, oggi i rapporti tra la Chiesa e il M5S sembrano proprio alle ‘strette’. Gli opinionisti più perspicaci avevano visto in quell’intervista un esile tentativo da parte della Cei di cucire dei solidi rapporti con il movimento politico di Grillo, quasi certamente il partito politico che guiderà il prossimo governo italiano.

Avvenire critica la proposta di Beppe Grillo di chiudere i rubinetti dei finanziamenti pubblici delle paritarie: l’altolà dei vescovi

Le dichiarazioni di ieri del M5S a proposito della piattaforma programmatica circa il preannunciato ‘pensionamento’ delle scuole paritarie, non lascia ampi margini di discussione tra Grillo e gli esponenti della Cei; qualche vescovo più attento avrà sicuramente tuonato: “questo matrimonio, proprio non s’ha da fare!”. La chiesa, ieri, avrà senza dubbio bocciato l’idea dei pentastellati: un oltraggio alla chiesa di Stato! Ma chiudere i rubinetti dei finanziamenti pubblici alle scuole paritarie, per il M5S, significa risparmiare 574 milioni di euro, e non è una cifra da buttare…

In questo scontro, interviene Gabriele Toccafondi, sottosegretario alla Pubblica Istruzione, il quale attraverso le sue rassicuranti affermazioni cerca di buttare acqua sul fuoco; Toccafondi, provvidenzialmente, risponde alle proposte pentastellate con questa dichiarazione: «Per noi la libertà educativa è di primaria importanza». In poche parole l’esponente di governo critica la proposta del M5S e nel contempo lancia una ‘ciambella’ di salvataggio alla Cei, quasi a voler suggerire ai vescovi di stare tranquilli perché le scuole paritarie non verranno toccate affatto, almeno fino a quando rimarrà in carica il governo Gentiloni.

Vescovi contro la proposta M5S: “Lo Stato, grazie alle paritarie, risparmia 7 miliardi di euro, a fronte di una spesa di 574 milioni di euro”

Avvenire, inoltre, ricorda che se dovesse concretizzarsi la proposta voluta dal M5S a proposito dell’abolizione delle paritarie, questo comporterebbe sicuramente un danno economico nei confronti delle famiglie italiane, e secondo quanto calcolato dal quotidiano della Cei, il danno sarebbe notevole: si parla infatti di rinunciare ad una detrazione fiscale pari al 19%, percentuale relativa alle spese per l’iscrizione dei propri figli alle paritarie che tradotto in soldoni significherebbe un risparmio totale pari a 564 euro, tetto massimo che arriverebbe progressivamente, entro il 2019, fino a 800 euro. Non solo, ma Avvenire a conferma dell’assurda presa di posizione del M5S dichiara anche: “Lo Stato, grazie alle paritarie, risparmia 7 miliardi di euro, a fronte di una spesa di 574 milioni di euro”.

#ProgrammaScuola – Scuole paritarie e pubbliche: finanziamenti e contributi volontari

Per rimanere aggiornato sulle tematiche di tuo interesse, ti consigliamo di seguire le nostre pagine Facebook dedicate ad altri argomenti:

Iscriviti alla Newsletter di Scuolainforma!

Se decidi di iscriverti alla nostra Newsletter potrai ricevere ogni sera tutte le notizie e gli aggiornamenti sul mondo della scuola e della Pubblica Amministrazione direttamente nella tua casella di posta elettronica.