Scuola, ministra Fedeli su Radio 1, ultime notizie: ‘Nuovi docenti dovranno avere nuove competenze’

0
2571
Scuola, ministra Valeria Fedeli a Radio 1: 'Penso che debbano entrare nuove e diverse competenze nella scuola'
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

La ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, è stata ospite ieri sera della trasmissione radiofonica ‘Zapping‘, in onda sulle frequenze di Radio 1 dal lunedì al venerdì dalle 19.40 alle 21 e condotta in studio da Giancarlo Loquenzi.

Scuola, ministra Valeria Fedeli a Radio 1: ‘Penso che debbano entrare nuove e diverse competenze nella scuola’

In merito al decreto attuativo della legge 107 riguardante la riforma della formazione e del reclutamento dei docenti, la numero uno del Miur ha dichiarato: ‘Penso che debbano entrare nuove e diverse competenze nella scuola’, precisando che le novità contenute nel decreto andranno a regime nel giro di tre o quattro anni. La ministra ha aggiunto che sarà l’occasione per ‘ringiovanire’ la classe docente: le affermazioni della Fedeli, infatti, sono scaturite da una domanda rivoltale da una docente ormai prossima alla pensione che ha confessato di non sentirsi più al passo con i propri studenti.

Valeria Fedeli: ‘Se fai l’insegnante sai che ti devi muovere e andare dove sono gli studenti’

In merito alle operazioni di mobilità per il prossimo anno scolastico, la ministra Valeria Fedeli ha ammesso le difficoltà incontrate lo scorso anno, con il precedente Governo, pur dichiarando che ‘quando ci sono cambiamenti nella scuola non si riesce mai a farli con il massimo consenso. In ogni caso – ha aggiunto – se fai l’insegnante sai che ti devi muovere e andare dove sono gli studenti’.
La ministra ha riconosciuto, comunque, che ‘qualche sostegno per il trasferimento degli insegnanti andava preso in considerazione. Se il Governo avesse fatto questa parte di riforma con la gradualità necessaria e con i supporti necessari, come fanno le aziende, come si fa in casi analoghi, sarebbe stato meglio.’

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page