Assunzioni e concorso scuola 2016
Un comunicato stampa congiunto, firmato dai responsabili nazionali dei Dirigenti Scolastici delle principali forze sindacali (Flc-Cgil, Cisl, Uil e Snals Confsal), intende difendere la categoria dalle accuse mosse nei loro confronti. Si parla di ‘utilizzo strumentale della chiamata dei docenti’ e di ‘contraddizioni della legge 107 scaricate sui presidi’. Ecco il testo del comunicato.

Dirigenti scolastici: ‘Contraddizioni legge 107 scaricate sui presidi’

I responsabili nazionali dei Dirigenti Scolastici FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA e SNALS CONFSAL intervengono con un documento unitario sulle problematiche organizzative e gestionali che le istituzioni scolastiche stanno affrontando in questi giorni, mentre è in corso la definizione del PTOF, e che evidenziano, in maniera concreta e palese, come le contraddizioni della Legge 107/2015 si stiano in gran parte scaricando proprio sui dirigenti scolastici.

Ultime news scuola e dirigenti scolastici: utilizzo strumentale della ‘chiamata diretta’ dei docenti su ambiti

Premesso che le nostre controparti politiche e istituzionali sono il Governo e il MIUR (e lo stesso Parlamento “sovrano”, rimasto sordo e insensibile alle nostre richieste di modifica di alcune parti a nostro avviso decisamente discutibili della predetta Legge, pur avendone lo strumento legislativo a portata di mano), nel documento viene fatto esplicito riferimento critico alla posizione espressa dall’ANP, relativamente ai presunti, farneticanti benefici connessi all’utilizzo strumentale della “chiamata” dei docenti dagli ambiti territoriali, da noi ritenuta provocatoria e inaccettabile e che aveva suscitato, con particolare riguardo alla questione dei docenti cosiddetti “contrastivi”, sdegnate reazioni da parte di numerosi dirigenti scolastici, addirittura divenendo oggetto di una severa interrogazione parlamentare.
Potrebbe interessarti:  Scuola, Salvini si è espresso sul caso della docente sospesa a Palermo

Il Documento non si limita alla denuncia di situazione di crescente disagio, ma indica responsabilmente le piste per ricercare le possibili, necessarie e credibili soluzioni, dalla revisione normativa al rinnovo contrattuale, sede, quest’ultima, per armonizzare la gestione dei rapporti di lavoro con le prerogative dirigenziali.