Non si placano le contestazioni al presidente del Consiglio Matteo Renzi che è giunto poco dopo le 10 a Mantova dove era in programma una cerimonia. La cittadina lombarda è stata premiata come la capitale della cultura italiana 2016. Subito dopo l’arrivo del premier alcuni contestatori hanno srotolato un enorme striscione con su scritto “Renzi Ciocapiat” (Renzi ciarlatano, ndr). A fianco veniva issata una bandiera di Rifondazione comunista che garriva al vento sopra al balcone di un palazzo adiacente al Teatro Bibiena,teatro dell’intervento del presidente del Consiglio. Tra la folla di giornalisti, in basso, un uomo ha gridato: “Renzi stai distruggendo la sanità pubblica. Parlo a nome dei medici”, mentre il premier era già entrato all’interno del teatro.