Il Miur ha pubblicato un comunicato in cui informa della costituzione di un Gruppo di lavoro destinato allo studio e alla riflessione sui Big data. Qual è il suo scopo e da chi è composto?

Gruppo di lavoro sui Big Data: a cosa serve

“E’ stato costituito, presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, un Gruppo di lavoro per avviare una riflessione condivisa e strategica sui Big Data finalizzata a mettere a punto nuovi approcci per utilizzare quelli di competenza del MIUR nella formulazione di decisioni di grande impatto scientifico, amministrativo e politico.
Anche il settore scolastico, universitario, della ricerca e dell’alta formazione artistica e musicale, infatti, contribuiscono alla creazione dei Big Data per i quali, dunque, il Miur intende avviare un’analisi finalizzata alla valorizzazione degli stessi a sostegno delle decisioni di sistema, all’individuazione delle traiettorie di sviluppo e a come l’Italia potrebbe intercettarle.”

Potrebbe interessarti:  Scuola, docente sospesa a Palermo ultime notizie: partono i sospetti sul Miur

Chi sono i componenti

Fabio Beltram, Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa, a cui sono affidate le funzioni di Coordinatore;
Roberto Torrini, direttore dell’Anvur; Francesco Castanò, Direttore centrale per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione dell’Istat;
Luca De Biase, saggista e Direttore di Nòva24 del Sole 24 Ore;
Sabrina Bono, Capo del Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali del Miur;
Letizia Melina, Direttore generale per lo studente, lo sviluppo e l’internazionalizzazione della formazione superiore del Miur;
Donatella Solda, membro della Segreteria Tecnica del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca;
Davide D’Amico, Dirigente Direzione Generale per il Personale Docente – Ufficio VI Formazione personale docente e accreditamento enti del Miur.