Continua il lungo tour del sottosegretario Davide Faraone presso gli Istituti Scolastici d’Italia. Oggi si trova a Siracusa e per l’occorrenza dichiara le sue prossime intenzioni: “Lavorare in sinergia per far funzionare il sistema”.

Intervistato dalla testata giornalistica SiracusaNews, Faraone dichiara:
Abbiamo assunto 180.000 insegnanti, in Sicilia 10.000. Naturalmente il tema è anche costruire le condizioni affinché questi insegnanti possono al meglio svolgere il proprio ruolo e mettere in campo le risorse che abbiamo investito sulla digitalizzazione, sull’alternanza scuola – lavoro e su tutta una serie di attività didattiche nuove che possono essere introdotte nella scuola’.
Prosegue, il politico siciliano: ‘Crediamo di aver avviato un buon percorso e di aver dato alle scuole gli strumenti e le opportunità per far funzionare al meglio la didattica. Dobbiamo costruire la nuova classe dirigente del Paese. La scuola ha questo compito e crediamo che debba assolverlo al meglio. Credo che ci sia un atteggiamento collaborativo e costruttivo qui a Siracusa; tra l’altro si è avviato un modello che credo debba essere utile al paese, quello cioè di una rete di scuole che mette in campo servizi collegialmente. La scuola è una scuola autonoma e deve mettere in campo, innanzitutto, come singolo istituto, azioni positive, ma se si costruiscono anche delle reti in sinergia con gli Enti locali e il Ministero e si utilizzano al meglio le risorse economiche che già ci sono, questo sia il miglior modo per far funzionare la scuola‘.