Dopo la risposta all’interpellanza presentata dal M5S Silvia Chimienti così si rivolge al governo che lascia fuori gli abilitati. E’ proprio il caso di dire Vae Victis!
3 docenti su 4 abilitati e meritevoli resteranno esclusi, per ragioni puramente matematiche, da qualsiasi ipotesi di assunzione per i prossimi anni.
Faraone ha solo saputo confermarci che ad oggi ci sono 100mila supplenze annuali e che nei prossimi anni la situazione per le scuole continuerà ad essere drammatica, con altre decine di migliaia di supplenze.
Eccolo il primo risultato della buona scuola: aver mantenuto intatto il precariato al prezzo di disagi, discriminazioni e confusione.
Non hanno contezza dei numeri e non ci hanno detto quanti saranno i pensionamenti dei prossimi anni né come e quando verranno assunti i docenti GAE e GM2012 infanzia ancora in attesa del ruolo.
Non ritengono inoltre necessaria una fase transitoria per tutelare tutti gli aventi diritto: è più che evidente che per il Governo Renzi gli abilitati con TFA e PAS, così come i diplomati magistrale e i laureati in SFP, sono precari di serie B rispetto ai colleghi abilitati con la SISS e rientrati, per ragioni meramente cronologiche, nelle GAE.
Bene, la battaglia del M5S sarà su questo punto, non sugli inutili punteggi dei titoli e del servizio.
Uniti, manderemo a casa Renzi e Faraone.