Oggi vi parliamo di una piattaforma didattica innovativa e tutta social. Si tratta di Edmodo, facile, intuitiva e sociale. Può permette di creare in pochi passaggi una classe virtuale per la didattica a distanza.
Questa piattaforma didattica, completamente online, nel suo aspetto grafico e in molte funzioni, ricorda molto il social network Facebook. Edmodo, consente la gestione di una classe virtuale attraverso la creazione di un vero e proprio gruppo di lavoro. Per entrare all’interno della piattaforma social bisogna autenticarsi attraverso tre modalità ben distinte e separate: Insegnante, Studente e Genitore. Questa prerogativa rende facile il suo uso ed estremamente accessibile da qualsiasi device, assicurando, nel contempo, un buon livello di sicurezza. La mobilità ha permesso in questi anni la sua ampia diffusione da parte di molti insegnanti e studenti.

Quali vantaggi offre rispetto alla didattica ‘normale’ o ad altre piattaforme dello stesso genere?

  • La dinamicità della piattaforma didattica, intesa come possibilità degli alunni di acquisire nuove competenze nel momento stesso in cui svolgono le varie attività all’interno della piattaforma;
  • L’interattività, intesa come partecipazione attiva all’attività didattica da parte dello studente, il quale non è solo fruitore passivo di un servizio formativo, ma è coinvolto in prima persona e apprende facendo, secondo un assetto laboratoriale;
  • La contemporaneità, che avviene quando gli studenti e gli insegnanti partecipano simultaneamente nel processo di apprendimento, comunicando, in tempo reale e usando la connessione on line;
  • La riusabilità e soprattutto la versatilità e la possibilità di riprendere ed utilizzare in contesti differenti i materiali didattici, ma anche intesa come possibilità di vedere e rivedere i contenuti da casa propria con i modi e i tempi di ciascun alunno;
  • Il clima sereno e compartecipativo che l’uso dello strumento ha creato nel gruppo-classe, con influenze decisamente positive nell’interesse, nell’attenzione, nell’impegno e nella cura delle attività svolte;
  • La cross-curricolarità dello strumento che, essendo multilingua, consente il consolidamento delle abilità di lettura e comprensione e l’apprendimento di nuovi termini informatici e non;
  • La personalizzazione, intesa come adeguamento in modo più appropriato a ciascun percorso formativo: su Edmodo, infatti, ogni alunno dà il suo contributo secondo le proprie possibilità e capacità. I discenti più bravi hanno finalmente l’opportunità di esprimersi senza dover seguire il livello medio della classe e quelli meno capaci osservano e imparano dai propri compagni e spesso ne prendono spunto per i propri lavori.

Quali attività si possono svolgere all’interno della piattaforma?

  • Sondaggi di vario genere sulle attività didattiche svolte in compresenza;
  • Gestione delle cartelle (directory) e dei documenti di Google Drive.

Una volta registratisi, gli alunni possono subito comunicare con l’insegnante o con gli altri compagni di “classe”, fruire dei materiali delle lezioni, scaricarli e utilizzarli per studiare o approfondire, caricare dei materiali propri (compiti, esercizi…) o condividere post, ecc., tutto come se fossero in classe. Si crea immediatamente un forte interesse e un grande coinvolgimento emotivo da parte degli alunni che, col passare dei mesi, acquisiscono sicurezza e abilità nel gestire i propri spazi e le proprie attività. La piattaforma da anche la possibilità e l’opportunità di poter vedere i propri progressi e i badges (riconoscimenti virtuali sottoforma di icona) assegnati dall’insegnante per i propri risultati o comportamenti positivi tenuti nella classe vera e in quella virtuale.
Per maggiori informazioni: https://www.edmodo.com/