Dopo la polemica scoppiata sulla nota emessa circa il comitato di valutazione e il bonus docenti da parte dell’USR Veneto, quest’ultimo ha ritirato la nota. I sindacati avevano emesso un comunicato univoco in cui avevano diffidato l’Ufficio Scolastico. Di seguito il ritiro ufficiale della nota:

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto
Direzione Generale

Venezia, 18 febbraio 2016

Prot. AOODRVE 3341

Ai Componenti esterni dei
Comitati di Valutazione nominati
dall’USR per il Veneto, di cui all’allegato elenco

e p.c.  Ai Dirigenti delle II.SS del Veneto – Loro Sedi

Oggetto: ritiro documento “Orientamenti e riflessioni per i Componenti esterni dei Comitati di Valutazione dei Docenti, nominati dall’USR per il Veneto”.
“Facendo seguito alla precedente nota prot. 2982 del 16 febbraio u.s., con la presente si comunica il ritiro del documento ad essa allegato “Orientamenti e riflessioni per i Componenti esterni dei Comitati di Valutazione dei Docenti, nominati dall’USR per il Veneto”, in quanto lo scrivente Ufficio non ha inteso ledere prerogative sindacali.”

Il Miur convoca i sindacati per parlare del bonus

La FLC CGIL fa sapere contemporaneamente alla notizia del ritiro della nota circa il comitato di valutazione e il bonus, che il Miur convoca i sindacati giorno 24 febbraio alle ore 10 per un incontro di informativa sindacale sulle tematiche relative alla ripartizione delle risorse del fondo per la valorizzazione del merito (art. 1 c. 126 della l. 107/2015) e per il funzionamento del comitato di valutazione. “In quella sede la FLC CGIL chiederà, stante la stessa disposizione della legge 107 circa la natura di salario accessorio del Bonus di 200 milioni di euro, la piena titolarità della contrattazione di scuola per l’individuazione dei criteri per l’attribuzione dei compensi al personale docente.”
(fonte FLC CGIL)