aran - contrattazione Pubblico impiego
aran - contrattazione Pubblico impiego

Da quanto si apprende le maggiori novità sarebbero due: l’aumento degli emolumenti ogni tre anni e la drastica riduzione di soli 4 comparti del pubblico impiego. Ma vediamo nel dettaglio i contenuti dell’accordo ARANSindacati.
Finalmente dopo tante ore di contrattazione, si parla di circa 17 ore, stamattina alle ore 4,00 è stato firmato l’accordo che riguarda i comparti del pubblico impiego. Il problema adesso rimane l’importo giudicato esiguo (300mln di euro per il 2016) quello a disposizione per assicurare gli scatti in busta paga per aumentare gli importi degli stipendi del personale della pubblica amministrazione. I sindacati, da questo punto di vista, sono pessimisti in quanto ritengono che tale somma è totalmente insufficiente per rinsaldare le tasche dei lavoratori dei comparti pubblici, da troppo tempo rimasti stabili e invariati.

Finalmente una drastica riduzione. Svolta epocale, voluta dall’ex Ministro Brunetta e approvata quest’oggi

Da quanto si apprende gli attuali 12 comparti pubblici che, ricordiamolo, sono rappresentati dai seguenti settori: Agenzie Fiscali, Aziende, Ministeri, Enti pubblici non economici, Presidenza del Consiglio dei Ministri, RicercaUniversità, Regioni ed autonomie locali, Sanità, Scuola, Enti art. 70 d.lgs. 165/2001, Accademie e conservatori, subiranno una drastica riduzione. L’accordo in oggetto, stipulato nelle prime ore di stamattina, prevede una drastica riduzione (di un quarto rispetto ai precedenti), in particolare: Funzioni centrali, Funzioni locali, Sanità e Istruzione e ricerca. Il comparto scuola, accorpato al settore ricerca, dovrebbe rientrare nell’ultimo dei quattro settori.

Potrebbe interessarti:  Calendario scuola, Bussetti sulle ore di insegnamento: ecco cosa dicono gli ultimi dati

I Sindacati premono per il rinnovo dei contratti del Pubblico impiego.

Secondo i sindacati firmatari, occorre, a questo punto, che il Governo assuma presto iniziative conseguenti a tale accordo, relativamente al rinnovo dei contratti (si parla di un contratto triennale) e al rilancio delle politiche dei quattro settori, finalizzato al miglioramento della qualità dei servizi messi a disposizione ai cittadini. Tutte le sigle sindacali, infine, sottolineano l’importante ruolo della contrattazione delle RSU in capo ad ogni singolo comparto della P.A.
Per informazioni: http://www.aranagenzia.it/