Sicurezza a scuola - crollo soffitto
Sicurezza a scuola - crollo soffitto

Sicurezza a Scuola – Il terribile episodio è accaduto lunedì mattina presso il Liceo Scientifico ‘Grigoletti‘ di Pordenone. Si è sfiorata una vera e propria tragedia e solo il caso ha voluto che nessuno degli studenti presenti in classe si sia fatto seriamente male. Ma vediamo come si sono svolti i fatti.

Questa volta si è sfiorata la tragedia. E la prossima volta?

La classe in questione si trova al piano primo dell’istituto scolastico Grigoletti, rinomato Liceo della città di Pordenone. Poco dopo il suono della campana che preannuncia l’inizio delle lezioni, gli alunni, entrati in classe, hanno avuto giusto il tempo di sistemare i propri zaini e uscire fuori dagli stessi il materiale didattico occorrente. Subito dopo, improvvisamente, dal soffitto si stacca un travetto in acciaio che faceva da supporto agli apparecchi di illuminazione della classe. Il suddetto elemento metallico, fortunatamente, non colpisce nessuno ma riesce a sfiorare alcuni studenti finendo tra i loro banchi. Solo il caso ha voluto che questa volta non ci fossero dei feriti, ma un fatto così grave avrà quasi sicuramente aumentato le preoccupazioni di molti genitori, i quali per fortuna, in questo caso, possono solo gioire e ringraziare la divina provvidenza.
Il problema della sicurezza all’interno delle scuole è sempre vivo e costante, soprattutto per i tragici episodi che la cronaca ci ha raccontato in questi ultimi anni. Non è più possibile affidarsi alla fortuna o al caso! Il mondo della scuola non può più tollerare fatti simili e non può più aspettare che il ‘fato‘ sia l’unico motivo vero per gioire e tirare un sospiro di sollievo, affinché non si pianga nessun morto.

Potrebbe interessarti:  Scuola, ministro Bussetti, altro annuncio: 'Nasce la Superiore Meridionale di Napoli'

Sicurezza a scuola. A che punto sono i progetti di ristrutturazione degli edifici scolastici?

Le scuole e gli ambienti presenti al loro interno devono necessariamente essere il primo baluardo della sicurezza da tutti i punti di vista. In tali luoghi, per buona parte della giornata, sono presenti gli alunni e tutto il personale scolastico e, garantire la loro sicurezza dovrebbe essere la priorità in assoluto. Spesso, però, questo non avviene nonostante le ingenti somme che di recente sono state spese per la messa in sicurezza di molti edifici scolastici, attraverso i bandi europei (ASSE II). Evidentemente qualcosa non è andato per il verso giusto, dato che ancora una volta siamo costretti a raccontare casi che riguardano le tragedie sfiorate all’interno delle classi, stracolme di giovani studenti e ignari del pericolo che potrebbero correre.