abilitati in ruolo

Si moltiplicano le iniziative dei parlamentari in favore degli abilitati della II fascia delle graduatorie di istituto. Nel corso della settimana appena conclusa abbiamo assistito a diverse interrogazioni parlamentari presentate da onorevoli del PD. Si chiede il doppio canale per tutti gli abilitati a solo 4 giorni dalla pubblicazione del calendario della prova scritta. Folgorati sulla via di Damasco o difesa della poltrona con disperata ricerca di quel consenso necessario a mantenerla?

Cambio di rotta sospetto

Chi mi conosce sa cosa sto facendo in difesa della II fascia sacrificata dai sindacati sull’altare delle tessere. Più produttivo istituire corsi per il concorso e promuovere ricorsi spesso traballanti in partenza, col risultato di incidere ancora più pesantemente sul sistema nervoso dei docenti precari abilitati. Ho impiegato tempo e danaro per conoscere la loro problematica indignandomi (il termine giusto è un altro ma non lo posso scrivere) al momento in cui si capisce che 3000 euro per abilitarsi non sono serviti a niente. E adesso leggo su Orizzonte Scuola di questo ennesimo affronto nei loro confronti. Cosa è cambiato in un anno dall’approvazione della 107? Perchè allora si approvò l’idea di sottoporli a concorso e oggi lo si vorrebbe evitare?

Illegittimità del concorso docenti

Dovrei versare fiumi d’inchiostro o consumare gigabyte interi della connessione per descrivere ciò che provo. Vedo colleghi disperati rincorrrere notizie certe sulle date delle prove, sui testi di preparazione al concorso o sulle modalità di predisposizione di una uda. Ci sono enormi difficoltà a reperire commissari d’esame ed aule per ospitare l’esercito dei 165.000 aspiranti destinato ad ingorssarsi dai “riservisti”, i non abilitati della III fascia invitati dai sindacati a ricorrere contro questa ingiustizia. Ma perchè, per quelli della II cos’è, un premio alla carriera?

Potrebbe interessarti:  Chi comanda davvero al Miur

Riaggregazione urgente e indispensabile

Attenzione alle chimere ed agli illusionisti, colleghi! Chi oggi millanta di rappresentare i vostri sacrosanti diritti non ha avuto nessun pudore, nessuna remora a votare contro di voi, contribuendo a far emanare quella 107 che si vuole abrogare con la avvianda raccolta firme per il relativo referendum. I risvegli possono essere troppo bruschi e illudersi che venga istituito il doppio canale, da questo PD poi, è come dire che la crisi è finita, è tornata la lira e il debito è stato abbattuto. Il doppio canale è una potente arma di distruzione di massa nelle mani sbagliate! Gli unici a poterlo istituire sono gli attuali oppositori del governo, quegli stessi deputati che hanno pronto un piano pluriennale di immissioni in ruolo per scorrimento da graduatorie di istituto che stanno aspettando soltanto una cosa da noi: che ci mettiamo d’accordo proponendo noi una piattaforma rivendicativa rispettosa delle abilitazioni che possedete, seppellendo per sempre le discriminazioni che ho letto spesso nei vostri commenti!