Nel corso della Direzione del PD tenutasi ieri 4 luglio, Matteo Renzi menziona anche la riforma della scuola e come questa ha prodotto una frattura. “Quando qualcuno contesta sulla scuola, dobbiamo notare come oggettivamente si sia prodotta una frattura nel maggio del 2015 e come questa frattura sia stata gestita dal Pd, di come la discussione abbia prodotto passi in avanti, di come la percentuale di quelli che hanno fatto” le prove “Invalsi sia aumentata a dismisura”. Non ci è dato capire che collegamento ci sia fra prove Invalsi e la gestione della frattura con la scuola da parte del PD, ma Renzi poi ricorda anche che hanno “messo 3 miliardi sulla scuola”.

Renzi: ‘Sulla scuola si gioca il futuro dell’Italia’

Poi il premier conferma che “sul tema della scuola si gioca parte importante del futuro del nostro Paese”. E come a confermare la qualità della scuola italiana, racconta: “Oggi a Gela si è diplomato Samuele, un ragazzo autistico che ha avuto la forza e il sostegno delle persone che stavano con lui. Quando uno come Samuele arriva al diploma noi, nel preoccuparci di come garantirgli un domani dobbiamo essere anche orgogliosi della scuola italiana e non cedere ad una interpretazione macchiettistica”. Anche qui il collegamento fra qualità della scuola creata grazie alla riforma e diploma del ragazzo autistico appare alquanto oscuro. E infatti non tutti sono d’accordo con lui. Roberto Speranza, a capo della minoranza del partito (sinistra riformista), ha richiesto l’apertura del sialogo coi docenti. “Segretario, non ti dico queste cose perché voglio rompere le balle, ma perché penso che il Pd è l’unica speranza e se non cambia andiamo a sbattere“.

Loading...