Con la nota ministeriale n. 19976/2016, diramata in data 22 luglio 2016, il Miur ha ufficializzato e reso pubblico i tempi e le modalità di presentazione delle domande per le assegnazioni provvisorie e le utilizzazioni per l’anno scolastico 2016/17. Nella suddetta nota vengono anche illustrate le principali novità contenute all’interno del CCNI, con particolare riguardo alle tematiche anzidette.

Quando presentare le domande?

La presentazione delle domande si potrà fare attraverso la piattaforma POLIS (Istanze Online) ed avverrà secondo una scansione tempistica legala all’ordine scolastico di appartenenza:

  • Per i Docenti della Scuola dell’Infanzia e Primaria: dal 28 luglio al 12 agosto;
  • Per i Docenti della Scuola Secondaria I e II Grado: dal 18 agosto al 28 agosto;
  • Per il personale educativo e per i docenti di religione cattolica: dal 25 luglio al 5 agosto;
  • Per il personale ATA: entro il 20 agosto.

Quali sono le modalità di presentazione delle domande?

Domande online
Le domande vanno inoltrate in modalità telematica, attraverso la piattaforma ufficiale del Ministero della Pubblica Istruzione denominata ‘Istanze Online’, solo per il personale docente della scuola dell’Infanzia, della Primaria, della Scuola Secondaria di I e II Grado. Rimane ugualmente la possibilità della presentazione cartacea dell’istanza, solo nel caso di eventuali malfunzionamenti della piattaforma di cui sopra.
Domande in formato cartaceo
Le domande verranno presentate esclusivamente in formato cartaceo – secondo la nota ministeriale n. 19976/2016 – per le altre tipologie di personale, in particolare:

  • Per il personale educativo;
  • Per il personale ATA;
  • Per i docenti di religione cattolica (IRC);
  • Per i docenti che chiederanno di essere utilizzati presso i Licei Musicali.

Si precisa, altresì, che i modelli necessari per la compilazione delle domande di cui sopra, potranno essere scaricati direttamente sul sito del Miur, nell’apposita sezione modulistica / spazio Mobilità 2016/17.

A chi vanno indirizzate le domande di assegnazione provvisoria e di utilizzazione?

Le istanze di utilizzazione vanno indirizzate all’ATP di titolarità, tramite il dirigente della scuola di servizio. I suddetti insegnanti non dovranno allegare nessuna documentazione relativa al punteggio dichiarato nella domanda, in quanto la stessa sarà valutata dalla scuola di servizio.
Altre Provincie – Le domande di assegnazione provvisorie e di utilizzazione su altre provincie, andranno indirizzate agli Ambiti Territoriali delle provincie prescelte, tramite i Dirigenti Scolastici delle scuole interessate.
IRC – Le domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria degli IRC vanno indirizzate alle Direzioni Regionali in cui è ubicata la Diocesi richiesta.
Licei musicali – I docenti, che chiedono l’utilizzazione nei Licei Musicali, devono indirizzare la domanda all’ATP in cui si trova il Liceo oggetto della richiesta.
Ordine di scuola diverso dalla titolarità – I docenti, che volessero presentare istanza per un ordine di scuola diverso da quello di titolarità, dovranno rispettare la scadenza del proprio ordine, secondo le date precedentemente elencate.

Potrebbe interessarti:  Scuola, incontro Miur-sindacati sul PCTO ultime notizie: 'Si parte con il piede sbagliato'

Allegati: altra documentazione ed eventuali certificazioni

La presentazione di eventuali documentazioni o certificazioni da allegare alla domanda deve avvenire secondo le disposizioni dell’OM. 241/2016 sulla mobilità 2016/17 e dell’ipotesi di CCNI sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie relativo all’a.s. 2016/17

Principali innovazioni

Viene effettuata una distinzione tra titolari dei benefici della legge 104/92 per l’assistenza ai figli rispetto ai titolari degli stessi benefici per l’assistenza al coniuge o al genitore. In poche prole, si dà preferenza a chi assiste i propri figli.
Viene innalzata l’età dei figli per usufruire della precedenza di padre o di madre lavoratore/lavoratrice. L’età viene aumentata, portandola a 6 anni per le assegnazioni provvisorie provinciali e a 12 anni per quelle interprovinciali.
Scambio di cattedra – Si tratta di una nuova opportunità per un eventuale scambio di cattedre tra due docenti abilitati e titolari del medesimo insegnamento o classe di concorso, che abbiano prodotto domanda e non abbiano ottenuto entrambi l’assegnazione provvisoria interprovinciale. La domanda va presentata al Dirigente preposto all’ufficio scolastico territorialmente competente per la provincia di titolarità del docente che rende disponibile la propria sede di servizio al docente che la richiede. Al termine di tutte le operazioni di utilizzazione/assegnazione provvisoria, previa disponibilità di dette sedi, il Dirigente dell’ATP competente autorizza la procedura in parola e ne dà comunicazione all’Ufficio scolastico territorialmente competente di titolarità del docente che ha richiesto la sede e ai Dirigenti scolastici interessati.

Avvio e tempistica delle procedure

Nella nota ministeriale n. 19976/2016, infine, si stabilisce che le operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisorie saranno avviate per ciascun ordine di scuola dopo l’assegnazione delle sedi di servizio ai docenti titolari su ambito, dopo le operazioni di mobilità e dopo le assegnazioni agli ambiti dei docenti neo immessi in ruolo.
Scarica la nota ministriale