La notizia del cambio al vertice del Cineca emergeva grazie ad una interrogazione parlamentare presentata all’epoca dei fatti dall’On. Rampelli di Fratelli d’Italia. Il direttore generale dei sistemi informativi del Miur, Dott. Marco Filisetti, era stato trasferito all‘Ufficio Scolastico della regione Marche con ben due anni di anticipo rispetto alla scadenza del mandato. Il provvedimento scattò alla vigilia dell’emanazione del bando del concorso docenti. Ancora una volta il Cineca finiva sugli scudi dopo la discutibile gestione del Tfa e dell’attuale concorso docenti 2016 che sta volgendo al termine con gli orali nelle ultime regioni.

Il trasferimento di Marco Filisetti

Il Dott. Filisetti si stava muovendo per il nuovo bando per l’appalto dei sistemi informativi, con due anni di anticipo rispetto alla scadenza del mandato, veniva rimosso e trasferito d’ufficio all’USR Marche. L’On. Rampelli non mancò di sottolineare quanto la disposizione in questione e la gestione deficitaria del concorso docenti costituissero valido motivo per ritenere il Cineca soggetto non affidabile per la gestione di servizi informatici e di concorsi. Quello che successe dopo le prove scritte è tristemente noto ed attualmente al vaglio dei tribunali amministrativi regionali di tutta le penisola.

Loading...

I probabili motivi del provvedimento

Nell’interrogazione parlamentare l’onorevole di Fratelli d’Italia chiedeva al governo quali fossero i reali motivi dell’allontanamento del dirigente. Non è chiaro come mai, proprio quando si stava apprestando ad effettuare alcune verifiche sul Cineca stesso in relazione allo svolgimento del concorso e alla gestione dell’organico del potenziamento e dell’organico dell’autonomia, si sia provveduto a trasferire un dirigente la cui competenza tralaltro era stata in grado di rilevare alcune magagne nella gestione dei fondi europei, fatto questo risalente al 2011. Il parlamentare non si spiegava perché ogni volta che ci fosse da far luce sulle cose del Consorzio in questione finisse sempre tutto insabbiato.

A pensar male…….

E’ perfettamente noto a tutti gli italiani che al solito si spostano le persone per mettere al loro posto i vari raccomandati, sicuramente più affidabili e “leali” verso il potere; il trasferimento di Filisetti rimane ancora avvolto nel mistero. Più nulla si è saputo delle denunce dell’autorità di Audit del 2011 dopo le scoperte di Filisetti. Vuoi vedere che aveva ragione Andreotti?