Supplenze 2016/17 ancora in attesa
Supplenze 2016/17 ancora in attesa

L’anno scolastico 2016/17 è sicuramente uno dei più disastrosi dal punto di vista della copertura dei posti e delle supplenze. E questo nonostante lo straordinario piano di immissioni in ruolo dello scorso anno, o forse anche anche per colpa sua (oltre che del ritardo della mobilità, del concorso a cattedra e delle assegnazioni provvisorie). Di fatto molte cattedre sono scoperte ad oggi 21 ottobre, per cui i supplenti potrebbero ancora essere convocati per un contratto a tempo determinato. A fare impressione sono i numeri snocciolati da Repubblica.it sulla base delle stime sindacali. La stima è che ci siano da assegnare ancora circa 20.000 posti, ma non vi è nessuna garanzia di trovare docenti che possiedono il titolo per occuparle.

Supplenze da assegnare ancora a novembre?

L’ipotesi per le assegnazioni delle supplenze è che slitteranno anche al mese di novembre. I tempi si allungano perché i posti non assegnati dall’USP dalle GaE, tornano ai dirigenti che dovranno procedere con le chiamate dalle Graduatorie di Istituto. Come già ripetuto varie volte, la maggior parte delle cattedre scoperte si trova nella parte Nord del Paese. La supplentite non solo non è stata debellata, ma pare che la situazione si sia fatta ancora più grave, a discapito soprattutto degli studenti che si ritroveranno costretti a cominciare il programma in ritardo su diverse materie. Però ‘non siamo ancora a Natale’, per cui secondo la Giannini non è ancora tardi per portare docenti in cattedra.