La cronaca, purtroppo, ci restituisce un’altra vicenda vergognosa legata alla scuola, uno di quegli episodi che non si vorrebbero mai raccontare e che, invece, purtroppo accadono. Questa volta non si tratta di maltrattamenti e ingiurie da parte di insegnanti, evidentemente per nulla meritevoli di esercitare la ‘nobile professione’, ma di un caso di molestia sessuale.
Un bidello di 57 anni, infatti, è stato arrestato nella giornata di ieri, sabato 29 ottobre: l’uomo è stato incastrato dalle telecamere installate dagli investigatori dopo la denuncia alla polizia di alcuni genitori allertati dai racconti dei loro figli di appena quattro e cinque anni che frequentano una scuola materna di Roma.

Ultime notizie scuola, domenica 30 ottobre: vergogna in una materna di Roma, bidello arrestato per molestie sessuali

Ne ha dato notizia l’edizione odierna del giornale ‘Il Fatto Quotidiano’. L’arresto dell’uomo è stato eseguito in flagranza di reato per violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina. Anche se adesso, al vaglio della Procura di Roma, ci sono anche i racconti di altre bambine, tutte piccole alunne della scuola materna della vittima. Dunque, purtroppo, l’indagine è destinata ad ampliarsi.
Tutto è partito, come avviene spesso in casi come questi, dalla segnalazione di alcuni genitori, che si erano presentati presso la quarta sezione della Squadra Mobile, per raccontare come le proprie figlie avessero manifestato il fastidio per le attenzioni sessualmente connotate dell’indagato.

Bidello arrestato per molestie sessuali: potrebbero essere diverse le bambine rimaste vittima degli abusi

Dopo queste segnalazioni, nella scuola è stato installato un sistema di intercettazione audio-video nel locale in cui sarebbero avvenuti gli abusi. Così due giorni fa, proprio attraverso le telecamere, la squadra mobile di Roma ha sorpreso il bidello proprio nell’atto di abusare di una delle povere bambine. Sono in corso indagini dei magistrati romani su eventuali altri episodi che sarebbero accaduti all’interno dell’istituto. Un’altra pagina vergognosa che vorremmo dimenticare subito perchè la scuola viene già abbastanza umiliata in maniera del tutto ingiusta.