Bonus 500 euro docenti 2016/17 - Si parla di voucher per la formazione e l'aggiornamento

Bonus docenti alle ‘Calende greche’. In questi giorni si parla tanto di aggiornamento e auto formazione dei docenti di ruolo della Buona Scuola renziana, intanto si rincorrono le voci di un imminente erogazione del famoso bonus per i docenti per il prossimo a.s. che dovrà servire anche per il pagamento dei corsi di auto aggiornamento. Finalmente, stamane, dalle pagine di Italiaoggi.it si apprende che le somme da erogare ai Prof sono già pronte ma in attesa che si sblocchi un lungo braccio di ferro tra alcuni comparti dello Stato. Entrano in scena i ‘voucher‘, ma vediamo brevemente di che si tratta.

Prima era una card, adesso si parla di ‘voucher’

Il lungo ‘braccio di ferro’, dura da mesi e, intanto, i tempi di erogazione del contributo economico si allungano di settimana in settimana. Proviamo a spigare i motivi di questo ritardo. A quanto sembra esiste in atto, nei palazzi dei bottoni, un vero e proprio braccio di ferro sulle modalità e sui tempi di erogazione di questo contributo, in particolare: da una parte, la Direzione generale del bilancio vorrebbe erogare il famoso contributo ai docenti sotto forma di card elettronica (una semplice carta pre-caricata), con tutte le caratteristiche corrispondenti ad una normale carta di credito; dall’altra parte, invece, la Direzione generale della formazione del Miur propone che tale elargizione avvenga attraverso la consegna, di volta in volta, di semplici ‘voucher‘ da poter essere utilizzati dai docenti per il pagamento dei loro corsi di aggiornamento o di formazione.

Loading...

I controlli scrupolosi sulla rendicontazione 2016/17: intanto, i docenti sono ancora privi del loro bonus

Esiste, inoltre, anche una terza causa di questo allungamento dei tempi: il personale scolastico amministrativo sta eseguendo, proprio in questi giorni, gli scrupolosi e attenti riscontri in relazione alla documentazione cartacea presentata ad agosto da parte di tutti i docenti che hanno usufruito, entro il 31/08/2016, di tale opportunità contributiva. Insomma, una lotta fratricida sulle scelte e sulle modalità da effettuare a livello ministeriale allunga ulteriormente i tempi di erogazione di questo contributo per il presente anno scolastico, utile sicuramente all’aggiornamento e alla formazione, e indispensabile, a breve, per tutti gli operatori della formazione. Staremo a vedere le prossime ed imminenti novità su questo argomento.