Siamo alle solite, pur di fare propaganda politica ed attirare a sè i docenti precari della scuola italiana, si fanno proposte per essi che poi non vengono mantenute. E’ cosi’ anche il partito politico del movimento 5 stelle, dopo aver annunciato da mesi, per i precari abilitati e non, la previsione di un piano transitorio volto all’assunzione di tali docenti e il loro inserimento nelle graduatorie provinciali ad esaurimento per poter stipulare finalmente un contratto a tempo interminato, ha disatteso le speranze che tali docenti avevano riposto nei parlamentari di tale movimento politico. I docenti precari, per mesi, hanno creduto che i parlamentari del movimento 5 stelle fossero realmente interessati alla vicenda della stabilizzazione dei docenti precari di seconda e terza fascia delle graduatorie di istituto e, confidavano in essi, per l’attuazione di un vero cambiamento nel mondo della scuola. Purtroppo, le cose non stanno cosi: dalla lettura degli emendamenti presentati alla legge di bilancio, attualmente in discussione presso la commissione bilancio della camera dei deputati, non risultano essere stati presentati emendamenti, nemmeno dai deputati del movimento 5 stelle, per l’inserimento in gae dei docenti precari abilitati, siano essi diplomati magistrali ante 2001/2002,abilitati con tfa o pas. E neppure sono stati presentati emendamenti per risolvere la questione dei docenti precari inseriti nella terza fascia delle graduatorie di istituto.

Precari non sorpresi dall’assenza degli emendamenti in Legge di Bilancio

Per la verità, la notizia della mancata presentazione di emendamenti a favore dei docenti precari della scuola non sorprende il gruppo facebook dei “docenti precari abilitati non inseriti nelle graduatorie ad esaurimento” poiché, proprio il giorno della manifestazione organizzata a Roma da Anief, l’onorevole Silvia Chimienti, con un colloquio privato, tenutosi su facebook, ci aveva già comunicato della mancata presentazione di emendamenti a favore dei docenti precari ed, altresi’ aveva riferito, con molta sincerità, della presentazione di sole proposte emendative volte all’assunzione di tutti gli idonei dell’ultimo concorso scuola. Un concorso, che lo stesso partito politico dei cinque stelle ha più volte definito” concorso truffa”.
Ma vi è di piu’, perché uno dei referenti dell’organizzazione della manifestazione Anief ha lasciato far salire sul parco loro allestito, la deputata del movimento cinque stelle pur avendo avuto questi  consapevolezza, dopo un mio avvertimento avvenuto  con messaggio privato, sulla questione che la deputata e, cosi’ tutto il movimento 5 stelle, non avrebbero presentato nulla a favore dei docenti precari?
Ai docenti precari, abilitati e non, non interessa la propaganda politica, da qualunque orientamento  sia fatta.
I docenti precari vogliono il riconoscimento del diritto loro spettante, ormai da anni, mediante il loro inserimento nelle graduatorie provinciali ad esaurimento al fine della loro assunzione definitiva.
I deputati tutti, che siedono alle poltrone del parlamento, stanno tirando troppo la corda e, come ben si sa, prima o poi, questa si spezza poichè la categoria di tali insegnanti è   ormai è  sul piede di guerra!
Gruppo facebook: https://www.facebook.com/groups/232190047183624/
Avv. Anna Fasulo

Loading...