Spid: le FAQ
Spid: le FAQ

SPID è il nuovo sistema di identità digitale che consentirà l’accesso a numerosi servizi della Pubblica Amministrazione, compresa la carta docenti 2016/17 del Miur. Non tutti sono sicuri di cosa sia e come funzioni, né tanto meno delle problematiche che potrebbe presentare in fatto di privacy. Abbiamo raccolto le principali FAQ ufficiali dal sito www.spid.gov.it che rispondono alle domande incontrate più spesso sui social.

FAQ ufficiali su SPID: le principali

Cos’è SPID?
SPID è il sistema di autenticazione che permette a cittadini ed imprese di accedere ai servizi online della pubblica amministrazione e dei privati aderenti con un’identità digitale unica. L’identità SPID è costituita da credenziali (nome utente e password) che vengono rilasciate all’utente e che permettono l’accesso a tutti i servizi online.
Quali documenti mi servono per poter richiedere SPID?
Per richiedere e ottenere le tue credenziali SPID hai bisogno di: un documento di identità valido (carta di identità o passaporto) e la tua tessera sanitaria. Ti servirà anche: un indirizzo e-mail e il numero di telefono del cellulare che usi normalmente (anche se non sei tu l’intestatario del contratto).
Ci sono differenze tra i soggetti a cui posso decidere di richiedere SPID?
Le credenziali SPID rilasciate da Infocert, Poste, Sielte e Tim sono uguali. Puoi scegliere liberamente il soggetto che ti permette di completare la procedura di registrazione in maniera per te più semplice. Ad esempio verifica qual è l’ufficio per il completamento della registrazione più vicino a casa tua così potrai risparmiare tempo!
Come vengono trattati i dati che fornisco per richiedere SPID?
I dati personali che comunicherai a Infocert, Poste, Sielte o Tim per richiedere SPID, non verranno utilizzati a scopo commerciale. Con SPID la tua privacy è totalmente garantita.
In che modo i gestori di identità (identity provider) verificano l’identità dei cittadini?
L’utente può scegliere tra diverse modalità di riconoscimento offerte dai gestori d’identità, ad esempio:
– Identificazione a vista del soggetto richiedente
– Identificazione a vista da remoto
– Identificazione informatica tramite documenti digitali di identità (Esempio CIE/CNS)
– Identificazione informatica tramite firma elettronica qualificata o firma digitale.
Che differenze ci sono fra i tre livelli di sicurezza delle credenziali SPID?

  • Il primo livello permette di accedere ai servizi online attraverso un nome utente e una password scelti dall’utente.
  • Il secondo livello – necessario per servizi che richiedono un grado di sicurezza maggiore – permette l’accesso attraverso un nome utente e una password scelti dall’utente, più la generazione di un codice temporaneo di accesso (one time password).
  • Il terzo livello, oltre al nome utente e la password, richiede un supporto fisico (es. smart card) per l’identificazione.
    Ad oggi sono disponibili solo identità SPID di primo e secondo livello.
Potrebbe interessarti:  Fioramonti tra aumento stipendi e bonus merito: 'Si parte da qui'

È possibile avere più di una identità digitale?
Sì, è possibile richiedere più di una identità digitale – anche con diversi livelli di sicurezza – con l’opportunità di rivolgersi a differenti gestori di identità digitale. Ogni cittadino è libero di scegliere l’identity provider che preferisce.
Come vengono trattati i dati personali?
Gli Identity Provider non possono utilizzare i dati personali dell’utente né cederli a terze parti senza autorizzazione da parte dell’utente stesso. Al momento della registrazione dovranno essere esplicitamente distinti i dati necessari all’ottenimento dell’identità digitale SPID dalle ulteriori informazioni – non obbligatorie – che il gestore di identità potrà eventualmente richiedere. L’Agenzia per l’Italia Digitale vigila sul rispetto delle norme in collaborazione con il Garante per la Privacy, sia per ciò che concerne l’attività degli identity provider, sia per quanto riguarda i servizi messi a disposizione da pubbliche amministrazioni e privati.
Puoi seguire tutti i nostri articoli e aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook.