Una delle domande che, spesso, i docenti si pongono è quella inerente alle supplenze e all’eventuale impiego di una maestra in una classe di ordine diverso, nel caso di istituto comprensivo.
Al quesito ha risposto il quotidiano economico ‘Italia Oggi’, prendendo in esame una lettera attraverso la quale si rivolgeva la seguente domanda.

Scuola, se una maestra si assenta, al suo posto può andare il professore?

‘Può il dirigente scolastico secondo la normativa vigente, all’interno di un Istituto comprensivo, utilizzare docenti della scuola media con ore a disposizione per supplenze anche di 1 ora nella scuola primaria o dell’infanzia e viceversa?

Cosa dice la legge 107: ecco la risposta

La risposta è stata data da Antimo di Geronimo, qualificata firma del quotidiano. Ebbene, il docente di scuola secondaria non può essere effettuato per sostituire docenti di scuola primaria o dell’infanzia e viceversa.
A questo proposito, viene citata proprio la legge 107, all’articolo 1, comma 85 dove si dispone, infatti, che il dirigente scolastico possa effettuare le sostituzioni dei docenti assenti per la copertura di supplenze temporanee fino a dieci giorni con personale dell’organico dell’autonomia che, ove impiegato in gradi di istruzione inferiore, conserva il trattamento stipendiale del grado di istruzione di appartenenza.
Seppure la norma abbia previsto la possibilità per il dirigente scolastico di impiegare i docenti interni per le sostituzioni dei colleghi assenti, anche in gradi diversi, tale impiego potrà avvenire solamente all’interno di scuole dello stesso ordine.
Per esempio, un docente di scuola secondaria di I grado può essere utilizzato per sostituire un docente di scuola secondaria di II grado e viceversa (si pensi al caso degli istituti omnicomprensivi) ma non può essere utilizzato per sostituzioni da effettuare in scuole appartenenti ad ordini diversi. In tutti gli altri casi, dunque, resta ferma la disciplina generale che vieta l’impiego fungibile dei docenti dell’organico in ordini di scuola diversi. Dunque, se una maestra di scuola primaria, per esempio, dovesse risultare assente, il suo posto non potrà essere da un professore della secondaria di secondo grado e viceversa.