Scuola, docente picchiata da una mamma: la prof delusa 'Per la procura non siamo pubblici ufficiali'
Scuola, docente picchiata da una mamma: la prof delusa 'Per la procura non siamo pubblici ufficiali'

Nuova sentenza sulla mobilità scuola 2016: il tribunale di Roma sospende il trasferimento e ordina al Miur di correggere gli errori. E’ stata rilevata una violazione del principio di scorrimento della graduatoria.

Comunicato su sentenza mobilità scuola 2016 Miur, Tribunale di Roma

Lo Studio Legale BFI ci ha inviato questo comunicato in merito alla decisione del Tribunale di Roma di sospendere il trasferimento di una docente tramite la mobilità scuola 2016 a causa di una violazione.
“Illegittima assegnazione di una docente ad un Ambito Territoriale distante, in violazione dell’elenco delle preferenze espresse nella domanda di mobilità – Violazione del principio di scorrimento della graduatoria.
Il M.I.U.R. ha violato il principio, generale ed inderogabile, di scorrimento della graduatoria in tema di mobilità, non rispettando l’ordine degli ambiti territoriali indicati nella domanda di trasferimento, prodotta da una docente.
Si tratta di una prima pronuncia del Tribunale Capitolino nella persona della dott.ssa Bellini del 22.12.2016 che stabilisce l’illegittimità dell’assegnazione del ricorrente in una sede distante rispetto a quelle indicate nelle preferenze, per violazione del principio dello scorrimento della graduatoria. Questo principio vincola l’Amministrazione, in quanto anche la procedura di mobilità ha natura concorsuale di impiego basata su una graduatoria e , quindi, non può prescindere dal rispetto del principio meritocratico.
Il Giudice, in accoglimento totale della domanda, ha, inoltre, ritenuto sussistere i due requisiti necessari all’adozione del provvedimento d’urgenza e cioè, il fumus boni iuris ed il pericolum in mora. Se il primo è risultato integrato dal riferimento alla normativa che disciplina la fattispecie, oltre che dal richiamo ai principi costituzionali di imparzialità, correttezza e buona fede, buon andamento della pubblica Amministrazione.
Il secondo è stato individuato nella circostanza che il motivo dell’urgenza deriva dalla necessità di avere un provvedimento che garantisca il diritto-dovere dei genitori di mantenere, istruire ed educare i figli (art.30 Cost.), la tutela della maternità e dell’infanzia (art. 31 Cost.) ed il ruolo della donna lavoratrice, cui va consentito l’adempimento dell’essenziale funzione familiare (art. 37 Cost.).
Il giudice conclude il provvedimento ordinando al MIUR di “Sospendere l’efficacia della assegnazione della ricorrente presso l’Ambito territoriale 0010 di Roma e ordina al MIUR di trasferire la ricorrente in scuola primaria situata nell’ambito preferito secondo l’ordine espresso e nel rispetto del punteggio; spese al definitivo”.
Lo Studio Legale BFI si dichiara soddisfatto in quanto “Questa ordinanza di sospensione dell’assegnazione del trasferimento della docente di S.Castrese di Sessa Aurunca, di fatto, “demolisce” la procedura di mobilità adottata dal MIUR e traccia un orientamento giurisprudenziale sempre più chiaro.”
Puoi seguire tutti i nostri articoli e aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook.

Loading...