Paolo Gentiloni in visita presso San Ginesio
Paolo Gentiloni in visita presso San Ginesio

Le istituzioni, anche in questi giorni di festa, non fanno mancare la loro importante presenza, proprio in quei territori dell’Italia centrale vittima degli ultimi importanti eventi sismici. Oggi, il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni si è recato in visita a San Ginesio e ha rilasciato importanti dichiarazioni in merito alla messa in sicurezza degli istituti scolastici presenti nelle medesime località.

Il Premier Gentiloni si reca, alla vigilia di Natale, nelle zone terremotate

Oggi, alla vigilia di Natale, il premier, infatti, si è recato a far visita alla piccola e pittoresca cittadina marchigiana di San Ginesio, conosciuta in tutto il mondo con l’appellativo di ‘città delle cento chiese’. La visita di Gentiloni a San Ginesio non è casuale e punta in maniera forte a testimoniare la presenza dello Stato in difesa di tutta la popolazione che dopo gli ultimi eventi sismici hanno perso tutto oltre che la serenità; la sua presenza vuole ribadire, senza ombra di dubbio, che il Governo, di cui lui stesso è la massima espressione, è loro vicino e non abbandonerà mai la gente che in questi giorni sta vivendo momenti difficili e di vero sconforto.

Loading...

Le dichiarazioni di Gentiloni circa le priorità post terremoto: al primo posto la messa in sicurezza delle scuole

Subito intervistato al suo arrivo dal folto gruppo di giornalisti al suo seguito, Paolo Gentiloni dichiara che le priorità dovranno essere indirizzate, innanzitutto, nei confronti della messa in sicurezza delle scuole, istituzioni, quest’ultime di grande importanza strategica per il futuro dell’intera collettività. Successivamente le azioni più importanti e urgenti saranno rivolte a tutti gli altri beni culturali, tra cui le chiese, che per certi versi, sono rappresentative della cittadina di San Ginesio.
A proposito della località che sta visitando, il premier, dichiara: «San Ginesio è una grandissima attrazione turistica». E continua: «E’ uno dei comuni più belli di questo territorio colpito tanto duramente dal terremoto».
Il premier ha salutato i cittadini, i quali lo hanno accolto calorosamente, soffermandosi poi a discutere con gli stessi e i tanti rappresentanti della carta stampata circa le prerogative che questi luoghi offrono ai tanti turisti e visitatori che ogni anno amano trascorrere interi periodi dell’anno. In particolare, Paolo Gentiloni dichiara: «Storia, natura, uno straordinario affaccio sui monti Sibillini si combinano. Non a caso molti stranieri decidono di trasferirsi qui acquistando ville e casali, questo significa che San Ginesio ha un futuro».

L’unione fa la forza, Gentiloni: ‘Dobbiamo lavorare tutti insieme’

Infine, il Presidente del Consiglio conclude la sua visita augurando che il lavoro congiunto e di sinergia che tutti gli Enti impegnati verso questo fronte stanno fornendo, porterà al più presto i suoi frutti ben sperati: «Dobbiamo lavorare tutti insieme, mi sembra che ci sia una grandissima collaborazione tra il sindaco, la Provincia, la Regione, il commissario Errani e il capo della Protezione civile Curcio».