Ultime notizie scuola, mercoledì 28 dicembre: morte maestra di Roma, si tratta di meningite?
Le ultime notizie scuola ad oggi, mercoledì 28 dicembre 2016, sono incentrate sulla tragica morte della maestra della 3A della scuola elementare ‘Cesare Battisti’ di Roma. M.P.D.N. aveva poco più di 50 anni, maestra premurosa ed attenta, molto conosciuta nel quartiere Garbatella. A dare il triste annuncio, chiamando famiglia per famiglia, la scuola dell’VIII municipio con una lettera dell’Asl RmC. L’insegnante era stata assente per malattia, la settimana precedente alla chiusura per le vacanze natalizie. Tra l’altro, le mamme e i papà degli alunni anche delle altre classi sono preoccupatissimi. Infatti la maestra “faceva anche supplenze e sostituzioni quando erano assenti gli altri insegnanti e spesso si occupava anche degli alunni che non seguivano l’ora di religione, perciò tutta la scuola è in subbuglio”.

Ultime notizie scuola, mercoledì 28 dicembre: morte maestra di Roma, si tratta di meningite?

Intanto, è scoppiata la polemica sulle cause della morte della maestra. Si è parlato, infatti, di meningite meningococcica e proprio per questo motivo i bambini che frequentano la classe sono stati tutti sottoposti a profilassi, così come gli adulti che hanno avuto contatti con la maestra.
Il corpo della povera maestra, comunque, sarà sottoposto ad autopsia, poichè non vi è ancora alcuna certezza se si sia trattato di un caso di meningite B o C. E’ quanto viene riportato dall’agenzia Ansa che ha fatto riferimento a fonti della Asl Roma 2, competente per il territorio della scuola ‘Cesare Battisti’, dove la donna insegnava.

Regione Lazio: ‘Non è meningite’

Nelle ultime ore, però, la Regione ha provveduto ad emettere un comunicato all’interno del quale si smentisce la meningite meningococcica: “In relazione al decesso della donna morta il 26 dicembre scorso presso il Policlinico Gemelli si precisa che, effettuati gli esami presso la struttura ospedaliera universitaria del Gemelli, non si tratta di meningite meningococcica, ma di una forma dovuta al batterio escherichia coli senza rischio di trasmissione diretta da persona a persona. In accordo con raccomandazioni internazionali, si comunica inoltre che in seguito alle prime informazioni la Asl Roma 2 ha fatto eseguire la profilassi precauzionale dei contatti stretti (circa una trentina di persone).’