Depennamento dalle Gae: il ricorso
Depennamento dalle Gae: il ricorso

Azione Scuola informa: “Se siete stati depennati dalle GaE per non aver prodotto la domanda di aggiornamento potete fare ricorso al Tar con Azione Scuola per essere re-inseriti nelle Graduatorie ad Esaurimento. Sarà utile tornare a specificare che molti aspiranti hanno ancora diritto al reinserimento nel caso in cui ne siano stati ingiustamente depennati per non aver potuto rispettare il termine di presentazione negli anni delle varie domande di aggiornamento. La materia riguarda il nuovo decreto di aggiornamento n.235/2014 nella parte in cui non consente la reiscrizione nella III fascia delle graduatorie ad esaurimento a quanti già iscritti nelle graduatorie permanenti, non hanno partecipato alle procedure di integrazione ed aggiornamento bandite negli anni precedenti e pertanto sono stati cancellati dalle stesse. Nei successivi decreti il Miur persevera nell’ingiusta discriminazione. Appare assolutamente giustificato rivendicare il legittimo diritto al reinserimento in virtù di diverse sentenze come quella del Consiglio di Stato n.14 luglio 2014, n. 3658. Essa è stata richiamata anche dal Tribunale Amministrativo del Lazio; basti ricordare l’Ordinanza n. 7836/2014 del Tar Lazio che recita testualmente:
“..Accoglie l’istanza cautelare avuto riguardo alla pronuncia del Consiglio di Stato, sezione sesta, 14 luglio 2014, n. 3658… accoglie l’istanza cautelare ai fini dell’inserimento del ricorrente nella graduatoria ad esaurimento relativa alla materia cui si riferisce parte ricorrente in ricorso”.
Caos continuità didattica: ‘era già tutto scritto nella legge della Buona Scuola’

Potrebbe interessarti:  Depennati da Gae docenti con titolo di sostegno conseguito all'estero

A chi rivolgersi per il ricorso contro il depennamento dalle GaE

In occasione del prossimo decreto di scioglimento della riserva, Azione Scuola impugnerà l’atto amministrativo che esclude gli abilitati. Potete trovare i dettagli per l’adesione al seguente link.
Puoi seguire tutti i nostri articoli e aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook.