Fedeli: assegnazioni provvisorie 2017/18
Fedeli: assegnazioni provvisorie 2017/18

Le assegnazioni provvisorie della scuola per l’anno scolastico 2017/18 ci saranno ma senza deroga al vincolo triennale: a dichiararlo è stata la stessa Valeria Fedeli in una risposta data ad un’interrogazione parlamentare sulla mobilità docenti. Tra le sue affermazioni, ecco alcune frasi:
“Dal prossimo anno scolastico la continuità didattica verrà assicurata anche dall’applicazione delle disposizioni ordinarie in materia di assegnazioni provvisorie, venuto meno il regime transitorio che valeva solo per l’anno scolastico 2016/17, con la conseguenza che per l’anno scolastico 2017/18 le assegnazioni provvisorie potranno essere richieste solo per alcune categorie di docenti.” Chi può dunque presentare domanda di assegnazione provvisoria?
Potrebbe interessarti: Stato povero, ma solo per la scuola: i dati degli stipendi a confronto

Chi può presentare domanda di assegnazione provvisoria 2017/18

Possono presentare domanda per le assegnazioni provvisorie interprovinciali 2017/18 nella scuola, i docenti che beneficiano di una delle seguenti precedenze (CCN 2016/17):

  • Personale con gravi motivi di salute
  • Personale con disabilità e personale che ha bisogno di cure continuative
  • Personale docente destinatario dell’art. 33, commi 5 e 7 della citata legge n. 104/92 (le condizioni in cui vale sono riportate all’artciolo 8 del CCN assegnazioni e utilizzazioni 2016/2017)
  • Madri o padri di figli con età inferiore ai 6 anni (fino al 2015 erano 3 anni)
  • Personale coniuge di militare o di categoria equiparata
  • Personale che ricopre cariche pubbliche nelle amministrazioni degli enti locali
  • Madri o padri di figli con età inferiore ai 12 anni (fino al 2015 erano 8 anni), possono presentare domanda in deroga al vincolo triennale, ma non hanno precedenza.
Potrebbe interessarti:  Scuola, assegnazioni provvisorie ultime notizie: firmata ipotesi di contratto 2019/22, le novità

Mobilità 2017/18 scuola, docenti e ATA: la scheda di sintesi dell’accordo
Puoi seguire tutti i nostri articoli e aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook.