Residuali Gae da immettere in ruolo

I tempi per l’immissione in ruolo dei residuali delle Gae si possono desumere dalle dichiarazioni rilasciate in sede di interrogazione parlamentare dal Ministro Fedeli. Il governo si sta adoperando per esaurire le Gae entro il 2020 e tutto marcia verso questa direzione. In primis la certezza che la deroga al vincolo triennale permarrà per i prossimi anni. L’eccezionalità del piano straordinario non si ripeterà e questo farà in modo che il 60% della mobilità resti appannaggio delle Gm 2016 e delle Gae in ragione del 30% l’uno.

I POSTI DA ASSEGNARE A CHI E’ IN GAE

Le percentuali sono descritte nel punto b dell’accordo sulla mobilità per l’anno scolastico 2017/2018. La percentuale del 30% dei posti vacanti e disponibili al termine della mobilità inter-provinciale, è riservata alla mobilità territoriale, il 10% alla mobilità professionale. L’ultima riguarda i passaggi di ruolo e di cattedra. Le esigenze di copertura degli organici si desumono dalle stime circa i prossimi pensionamenti. Si parla di circa 24.000 insegnanti che andranno in pensione nel 2017 e 30.000 nel 2018. Un’altra quota potrebbe provenire dall’aumento delle cattedre di diritto (25.000 posti) per la cui trasformazione sono stati stanziati 400 milioni.

SMALTIMENTO GAE ENTRO IL 2020 ?

Nell’ipotesi che la trasformazione dei posti da organico di fatto in organico di diritto venga fatta nel primo anno, avremmo 49.000 cattedre da assegnare. Questo consentirebbe l’assunzione per il 30% costituita da 14.700 residuali Gae. Circa la loro reale consistenza numerica complessiva si dice che consti di 45.000 docenti ancora in attesa. Questo dato è stato richiamato anche da una docente intervistata nel corso della puntata di “Presa Diretta” di lunedì scorso. Stanti così le cose, sarebbero 30.000 gli insegnanti che otterranno l’immissione in ruolo nei due anni successivi. Ricordiamo sempre che i prepensionamenti potrebbero accelerare il processo di turn over.

TEMPI PIU’ LUNGHI PER LE GAE INFANZIA

Il problema assume proporzioni molto diverse all’interno della Gae infanzia. Si sa infatti che attualmente sono in 17.000 ad attendere che venga approvato il progetto 0-6 di cui si comincerà a discutere da lunedì prossimo. Le cifre descritte sin dall’inizio coinvolgono tutte le cdc, per le quali la consistenza è molto diversa, sicuramente inferiore. Servirà perlomeno un anno in più per assorbire totalmente il precariato da Gae infanzia. Ma da qualunque parte la si veda, la cosa certa è che, con l’approvazione del Ddl, le 17.000 docenti della Gae infanzia avranno il ruolo entro il 2021.

Potrebbe interessarti:  L'iniziativa giudiziaria per la stabilizzazione dei docenti precari