Campagna #sbloccATA: richiesta alla Fedeli dei 2.020 posti ATA
Campagna #sbloccATA: richiesta alla Fedeli dei 2.020 posti ATA

La FLC CGIL ha lanciato la campagna di sottoscrizione firme denominata #sbloccATA, per richiedere la ministro Fedeli di restituire i 2.020 posti ATA tagliati, così da ridare piena efficienza ai servizi scolastici. Si richiede lo sblocco degli organici e delle supplenze del personale ATA. La mobilitazione si effettuerà in tutte le scuole ed è sostenuta dalle nostre RSU. L’obiettivo è far firmare tutto il personale ATA, Dsga, docenti, dirigenti e genitori. Di seguito parte del comunicato sindacale.

#sbloccATA: raccolta firme per lo sblocco del personale ATA

“L’obiettivo politico dello #sbloccATA è quello di proseguire a incalzare il governo, affinché si possano reintegrare i 2.020 posti tagliati e modificare la norma sulle restrizioni alle supplenze brevi, con l’effetto d’intervenire anche sul forte aggravio dei carichi di lavoro del personale ATA. Riteniamo di fondamentale importanza sottoscrivere il documento #sbloccATA da parte di tutti i lavoratori per poter raggiungere in modo decisivo l’obiettivo prefissato. A seguito dell’intesa del 30 novembre scorso tra governo e sindacati e l’esito del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 si sono aperti degli spazi politici nei quali è bene entrare a gamba tesa poiché da questo potrebbe scaturire anche la possibilità di modificare la legge di stabilità 2015 per le spesanti misure introdotte, che si ripercuotono sui diritti dei lavoratori e sulla funzionalità del servizio scolastico.
Consegneremo una prima tranche di firme così raccolte alla Ministra Fedeli, in occasione del Convegno nazionale ATA che si terrà a Roma il 16 e 17 febbraio prossimo. La campagna di sottoscrizione terminerà entro la fine di marzo 2017. Mobilitiamoci e firmiamo tutti perché la scuola va #sbloccATA.”
Potete scaricare il modulo di raccolte firme del sindacato FLC CGIL .
Puoi seguire tutti i nostri articoli e aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook.

Potrebbe interessarti:  L'iniziativa giudiziaria per la stabilizzazione dei docenti precari