Il Decreto Milleproroghe

Domani, 31 gennaio 2017, il Decreto Milleproroghe è atteso nell’aula di Palazzo Madama in Senato. La parte che riguarda la scuola si dovrà occupare di alcuni emendamenti presentati dalle diverse forze politiche. Non è stato dichiarato ammissibile quello relativo all’aggiornamento delle Gae nel 2017/2018. Rimarrà dunque fissato al 2020 il timing per consentire i cambi di provincia. Passano l’esame del Senato quelli per i ricercatori, i dirigenti scolastici, gli idonei e i docenti dell’infanzia. Se nel Decreto Milleproroghe venisse accettata l’apposita modifica, si potranno immettere in ruolo circa 16mila docenti ancora in Gae.

EMENDAMENTO PER L’INFANZIA

Porta firma Santini l’emendamento numero 4.51 che prevede di assumere 16mila nuovi docenti sull’organico potenziato per l’infanzia. Esistono attualmente 20mila posti vacanti e disponibili coperti da supplenze. Questa circostanza spiega da sola come sia possibile assumere chi era stato dimenticato dalla Buona Scuola. Va ricordato come per l’incremento degli organici di diritto siano già stati stanziati 400 milioni. Domani, questi docenti residuali delle Gae, sapranno se a settembre entreranno in ruolo.

ALTRI EMENDAMENTI APPROVATI IN DISCUSSIONE

Se la validità delle GM sarà prorogata, come chiede la modifica 4.19 (Ruta), si saprà domani stesso. Si voterà anche per approvare un corso di formazione speciale per sanare il contenzioso che pende in ordine ai D.S. Sono stati prorogati anche i termini per lo stesso corso nei confronti di chi ha aperto una vertenza nel 2004/2006.

EMENDAMENTI RESPINTI

L’emendamento che avrebbe consentito ai dottori di ricerca di tornare nelle università a tempo indeterminato non è passato. Stop anche per la stabilizzazione del personale educativo e ATA. Come accennato sopra, l’aggiornamento triennale delle Gae resta fissato al 2020. I tempi e le risorse a disposizione non consentono ulteriori correttivi. Per quanto riguarda i precari delle Graduatorie di Istituto tutto è demandato alla discussione della fase transitoria.

Potrebbe interessarti:  L'iniziativa giudiziaria per la stabilizzazione dei docenti precari