UNICOBAScibEnna
UNICOBAScibEnna

Monzù
 
RESTA INFORMATO GRATUITAMENTE SUL MONDO DELLA SCUOLA, ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK CLICCANDO qui
 
Il governo afferma di voler modificare la delega 378 (sostegno). In realtà nella seduta del 08/02/2017 ha bocciato l’emendamento 5.5 dell’On. Mara Carfagna.
Con questo emendamento si voleva introdurre tra le aree prioritarie l’intervento del fondo per le non auto-sufficienze.
Interventi volti a garantire la copertura finanziaria del trasporto scolastico per gli alunni diversamente abili e dell’assistentato materiale per i medesimi.
L’ultimo decreto di riparto quello del settembre 2016 ha distribuito i 400milioni che costituiscono la dotazione del fondo.
Tra le aree prioritarie di intervento non si è prevista però la copertura per il trasporto scolastico e l’assistentato materiale all’interno delle aule scolastiche.
E’ noto a tutti , continua l’Onorevole , che si tratta di servizi fondamentali, essenziali che garantiscono la fruizione di un diritto costituzionalmente rilevante ossia il DIRITTO ALLO STUDIO di questi alunni.
 
RESTA INFORMATO GRATUITAMENTE SUL MONDO DELLA SCUOLA, ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK CLICCANDO qui
 
Ci sono tante realtà in Italia, dove bambini, ragazzi non riescono ad andare a scuola addirittura da settembre dello scorso anno, perché gli enti locali non si trovano nelle condizioni di poter finanziare questi servizi e queste prestazioni essenziali.
Si è chiesto al governo di farsi carico di questo problema. Non si può accettare che in tante città italiane centinaia di alunni che già vivono una condizione di grande difficoltà, disagi e fragilità si trovino impediti a frequentare la scuola perché non c’è copertura finanziaria sufficiente.
Parlamento e governo conclude l’On.Carfagna, non si possono voltare dall’altra parte , ma devono provvedere a finanziare questi servizi per garantire a questi alunni di esercitare il DIRITTO ALLO STUDIO.
A questo punto interviene l’on Donata Lenzi del PD, che liquida un intervento costruttivo con due parole: è il Ministero delle Istruzione che se ne deve occupare, non le politiche sociali.
PARERE DEL GOVERNO CONTRARIO: LA CAMERA RESPINGE
E’ chiaro e palese che il Governo stia perpetrando tagli su tagli a scapito dei diversamente abili.
Per questo motivo è importante scendere in piazza a fianco della rete dei 65 movimenti (ormai 77 ) giorno 23 febbraio 2017 davanti Montecitorio.
A questo punto diventa palese che anche la legge tanto paventata dal PD “dopo di noi” risulta essere solo mera propaganda.
RISULTA QUINDI BASILARE E DI ESTREMA IMPORTANZA, ADERIRE ALLO SCIOPERO DEL COMPARTO SCUOLA DEL 17 MARZO 2017.
 
RITIRO DELEGHE SCUOLA IMMEDIATO SENZA SE E SENZA MA.
 
UNICOBAS CIB ENNA
Segretario Provinciale
Prof. Marco Monzù Rossello
RESTA INFORMATO GRATUITAMENTE SUL MONDO DELLA SCUOLA, ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK CLICCANDO qui