Crispano: assalto a scuola, anche un 11enne nella banda di ladri
Crispano: assalto a scuola, anche un 11enne nella banda di ladri

Una banda di ladri giovanissimi (tra i quali figurava anche un ragazzino di soli 11 anni) ha tentato di entrare nell’istituto Galileo Galilei di Crispano, in provincia di Napoli. L’obiettivo dei ladri era quello di rubare oggetti di valore all’interno della scuola in questione, ma sono stati colti in flagrante dai carabinieri. I quattro ragazzi hanno un’età compresa tra gli 11 e i 18 anni. Raggiunto l’istituto, i ladri si sono arrampicati, scavalcando la recinzione presso la parte meno visibile. In seguito, sono riusciti a forzare una finestra di anodizzato. Qui è rimasto il membro più grande della banda, a fare il palo.

Ladri assaltano scuola: giovanissimi, ma abili quanto Arsenio Lupin

Uno dei giovani ladri si è in seguito introdotto all’interno della scuola, facendo entrare anche gli altri due complici tramite una porta antipanico. Subito dopo hanno iniziato a cercare qualche oggetto di valore. Hanno in primis forzato un armadietto, contenente tuttavia, soltanto materiale didattico di cancelleria. In seguito si sono diretti verso la macchinetta del caffè, al fine di forzarla. Proprio qui i giovanissimi delinquenti sono stati bloccati da una pattuglia dei carabinieri della stazione di Crispano, avvisati telefonicamente da alcuni rumori e presenze sospette all’interno dell’istituto.

Sono stati identificati e bloccati dalle forze dell’ordine

I carabinieri hanno bloccato subito il maggiorenne del gruppo, mentre faceva il palo agli altri suoi complici. Questi ultimi sono riusciti, in un primo momento, a far perdere le loro tracce, ma in seguito sono stati identificati e fermati anche loro. Il 18enne è stato denunciato, ma al momento è in stato di libertà assieme agli altri suoi “compari” di 15 e 16 anni, mentre il bambino di 11 anni risulta non essere imputabile, in quanto troppo piccolo. Nei suoi confronti, gli inquirenti si sono limitati a procedere con una segnalazione al Tribunale dei minori di Napoli. Dopo i riti formali, i ladri minorenni sono stati affidati alle rispettive famiglie.