Prove suppletive concorso scuola 2016
Prove suppletive concorso scuola 2016

Se solo il Miur avesse seguito i consigli sul concorso scuola 2016… così dice Anief nel suo comunicato in merito alle prove suppletive. Dagli elenchi definitivi degli USR si può vedere come il numero degli aspiranti docenti sia aumentato vertiginosamente. I giudici hanno dato ragione ad Anief (e non solo): non dovevano essere esclusi i lavoratori già di ruolo, gli Itp, i diplomati magistrale a indirizzo linguistico, i dottori di ricerca il cui titolo è stato considerato abilitante, i diplomati Isef, gli educatori, i docenti che hanno ottenuto l’abilitazione disciplinare o la specializzazione su sostegno, coloro che hanno ottenuto il riconoscimento dell’abilitazione all’estero e chi ha frequentato Afam e Pas. Presto il calendario nazionale delle prove sarà in Gazzetta Ufficiale. Entro fine mese sarà completato il collaudo delle aule disponibili; a metà marzo l’abbinamento candidati–aule. A inizio estate le graduatorie di merito definitive.
Concorso scuola 2016, le graduatorie di merito (in aggiornamento continuo)

Migliaia di docenti alle prove suppletive del concorso scuola 2016

A svolgere le prove suppletive del concorso scuola 2016, anche grazie all’operato dei legali Anief, “saranno migliaia di aspiranti docenti, riconducibili a più tipologie, tutti però accumunati dal fatto di essere stati in primo tempo esclusi dal bando ministeriale errato. Ora avranno la possibilità concreta di andare a concorrere per gli oltre 63mila posti messi a bando… saranno anche ammessi i ricorrenti che hanno concluso i percorsi formativi Afam e Pas: anche a loro il Ministero dell’Istruzione aveva negato l’accesso alle prove concorsuali, sorvolando sul fatto, determinante, che i ritardi nel conseguimento dell’abilitazione non dipendevano certo dalla volontà dei candidati stessi. Con il passare del tempo, la loro candidatura ufficiale a coprire i posti ha assunto anche uno spessore maggiore, dopo che Tuttoscuola ha appurato proprio in queste ore che andranno persi oltre un terzo dei posti del concorso per via dell’alto numero di respinti in occasione delle prove concorsuali ordinarie.
La decisione di avviare le prove suppletive è giunta, da parte del Miur, dopo una lunga serie di ordinanze favorevoli ai ricorrenti: il 9 gennaio scorso, l’amministrazione emise una Nota di chiarimento – la n. 835 pubblicata da ‘Orizzonte Scuola’ – nella quale spiegava che tutte le operazioni (prove scritte, orali, valutazione titoli e pubblicazione degli esiti) si sarebbero concluse entro il prossimo mese di giugno: nella stessa Nota Miur si spiegava che già da diversi mesi da Viale Trastevere era stata avviata una ricognizione delle categorie e del numero di candidati destinatari di pronunce favorevoli, unitamente all’individuazione di posti/classi di concorso per cui dovranno essere svolte le prove suppletive, Anche perché sono già stati nominati i commissari ad acta per il giudizio di ottemperanza. Entro la giornata di oggi, inoltre, sarà consolidata la banca dati, con i dati dei ricorrenti, ivi compresa la scelta della lingua straniera per la prova scritta. In base a quanto trapela dal Miur, alla fine del mese di febbraio sarà completato il collaudo delle aule disponibili per lo svolgimento delle prove (privilegiando quelle già utilizzate nella prova scritta di maggio).
Il programma è denso di impegni conseguenziali: nella seconda settimana del mese di marzo sarà pubblicato l’abbinamento candidati – aule distribuiti in ordine alfabetico. Però non prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del calendario nazionale delle prove, possibile solo se le date precedenti saranno rispettate. La prova scritta è comunque prevista per il mese di aprile 2017 e, considerando il tempo necessario per la correzione e lo svolgimento delle prove pratiche e orali, l’intera procedura dovrà concludersi entro giugno 2017, con l’approvazione delle graduatorie di merito definitive.
Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, “le prove suppletive non si sarebbero svolte se solo l’amministrazione scolastica avesse seguito i nostri consigli. Il Ministero dell’Istruzione, invece, non ha voluto saperne, pubblicando dei concorsi 2016 senza considerare la presenza di coloro che, in presenza dei titoli di accesso, avevano anni e anni di esperienza di insegnamento alle spalle. Sono stati incredibilmente esclusi dalla prova concorsuale che gli avrebbe potuto dare la possibilità di accedere all’agognata assunzione a tempo indeterminato”.
(Fonte: Anief)
Puoi seguire tutti i nostri articoli e aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook.

Potrebbe interessarti:  Matteo Salvini vuole reintrodurre la divisa a scuola: 'Un’occasione di parità'