Docenti laureati, quando il servizio preruolo può essere riconosciuto interamente?
Quando può essere riconosciuto interamente il servizio preruolo per il docente laureato? Al quesito ha risposto il quotidiano ‘Italia Oggi’, nel numero di martedì 14 febbraio 2017. In una lettera, infatti, un docente laureato ha spiegato la propria posizione lavorativa, chiedendo se fosse possibile chiedere il miglioramento della propria posizione stipendiale. Ecco il testo della lettera.

Docenti laureati, quando il servizio preruolo può essere riconosciuto interamente?

‘Sono un insegnante laureato della scuola secondaria superiore in servizio, dall’anno scolastico 1990/91 all’anno scolastico 1999/2000, come supplente fino al 31 agosto (eccetto gli anni scolastici 1993/94 e 1994/95, fino a termine lezioni). Insegnante a tempo indeterminato con decorrenza giuridica dall’1/09/2000 ed economica dall’1/09/2001. Dall’1/09/2016 sono in fascia 21 con scadenza il 31/08/2023. Per quanto esposto, sono nelle condizioni di poter chiedere miglioramento nella posizione stipendiale? 

Riconoscimento servizio preruolo, quando è possibile chiedere il miglioramento della propria posizione stipendiale

L’esperto di ‘Italia Oggi’, Antimo Di Geronimo, ha spiegato che, in base ai dati forniti dall’insegnante, questi dovrebbe avere titolo a sollecitare l’amministrazione scolastica a disporre il riconoscimento dell’intero periodo preruolo non valutato: due anni, frutto della valutazione nell’ordine dei due terzi degli anni di preruolo eccedenti il quarto anno. Ciò ai sensi dell’articolo 4, comma 3, del Decreto del Presidente della Repubblica 399/88, a mente del quale, per i docenti laureati della scuola secondaria superiore, al compimento del sedicesimo anno, l’anzianità utile ai fini economici debba essere considerata interamente valida ai fini dell’attribuzione delle successive posizioni stipendiali.
Potrebbe interessarti:  Abilitazione e reclutamento: come si diventa insegnanti dal 2019