Bullismo, incontri sul tema a Corropoli e Lecco
Bullismo, incontri sul tema a Corropoli e Lecco

Il bullismo (e il cyberbullismo) è divenuta oramai una triste e dannosa consuetudine in numerose realtà scolastiche nel nostro paese. Un male che imperversa sempre di più e che non può essere più sottovalutato a causa dei frequenti episodi (talvolta degenerati in veri e propri drammi) che sempre più vanno ad aumentare. Proprio per questo, varie scuole hanno deciso di prendere a cuore il problema, organizzando incontri, progetti e riunioni per discutere di tale tematica, con la partecipazione di professionisti ed esperti. In questo articolo vi segnaliamo due eventi  del genere, organizzati a Corropoli (Teramo) ed a Lecco.

Bullismo, incontro nel plesso di Corropoli oggi 16 Febbraio

L’appuntamento si è svolto a Corropoli stamani 16 Febbraio alle ore 9:30, nel plesso dell’I.C. “Corropoli-Colonnella-Controguerra”. L’evento è stato diretto dalla dirigente scolastica Manuela Divisi. L’incontro rientra nel più vasto progetto annuale “Il più forte sono io!”. Alla conferenza hanno preso parte la stessa dirigente Divisi, la psicologa Antonietta Faraone, e il primo cittadino di Corropoli Umberto D’Annuntiis. Moderatrice dell’incontro e referente del progetto, la dottoressa Eide Bianchi. L’evento ha avuto come argomenti principali la vittima del bullo, i suoi disagi ed il bullismo come vero e proprio reato da affrontare in quanto tale. L’incontro è stato voluto, affinchè i giovanissimi crescano e collaborino insieme in maniera serena e pacifica, con l’obiettivo di prevenire ingiustizie e sopraffazioni verso il più “debole”.

Lecco e il progetto “Stop Bulling”

Domani 17 Febbraio alle ore 20:00, si terrà un importante incontro presso la scuola primaria Santo Stefano di Lecco in via De Gasperi 24. L’appuntamento, chiamato “Stop Bulling“, parlerà dei fenomeni del bullismo e cyberbullismo e, più approfonditamente, del significato di bullismo, le sue manifestazioni e del bullismo in quanto reato. Un “cancro sociale” questo, che deve essere prevenuto e combattuto, tramite l’incontro diretto tra genitori ed insegnanti. Nel progetto è coinvolta anche la Questura di Lecco.