Scuola, a Piacenza asilo per bambini ed anziani: dai 3 ai 90 anni
Scuola, a Piacenza asilo per bambini ed anziani: dai 3 ai 90 anni

Un esperimento di “educazione intergenerazionale” a Piacenza, che pare essere riuscito appieno. Nel comune emiliano c’è una scuola materna riservata a bambini ed anziani dai 3 ai 90 anni. Due poli opposti, due estremi che si incontrano, giocano ed interagiscono insieme. La primavera e l’autunno della vita. Una realtà in cui i piccoli possono avere per qualche ora dei “nonni” come compagni di giochi e di istruzione. Tra gli “alunni” dell’asilo, ci sono anche Fiorella (87 anni) e i piccoli Carlo e Stefano, che vanno ancora al nido. La signora Fiorella è costretta a spingere il deambulatore, ma per fortuna ci sono Carlo e Stefano, che da veri “cavalieri”, aiutano la loro compagna più grande. Diverse le attività all’interno di questo asilo speciale, dove si impara anche a cucinare e ad impastare le torte. Il divertimento non manca e tra le tante attività previste, non c’è di certo il pericolo di annoiarsi.

Scuola materna per bambini ed anziani a Piacenza: tra cucina, fiabe ed altre attività

La piccola Aurora (di soli 36 mesi) si diverte a tagliare pezzetti di mela, aiutata dalla sua compagna Maria (90 anni) oramai nonna e bisnonna. La signora da giovane faceva la bottonaia. Intanto, Franco (81) si mette a leggere la fiabe ai piccini. Olga (90) è invece una vecchietta “sprint”, ancora ben lucida nonostante l’età avanzata. La donna si dice contenta di stare assieme ai bambini, ai quali racconta favole e storie della sua infanzia. “Loro sono attenti -dice Olga- e quando mi fermo mi tirano per il braccio chiedendomi cosa fa poi il lupo nella favola”.

Potrebbe interessarti:  Scuola, offerte di lavoro: concorsi infanzia ed educatori asilo nido, ecco dove e le scadenze per la domanda

Un esperimento di interazione tra generazioni diverse che pare essere ben riuscito

L’educazione intergenerazionale consiste nel far coabitare all’interno della stessa struttura, un asilo nido ed un centro anziani. All’interno della stessa si danno vita a varie attività educative, dalla cucina alla pittura. Elena Giagosti, coordinatrice del progetto, ha dichiarato che anziani e piccini si trovano bene insieme ed imparano gli uni dagli altri. Una mamma ha raccontato che la sua figlioletta è entusiasta della presenza dei vecchietti nell’asilo: “Se li incontriamo fuori li saluta, li riconosce -dice- come se fossero amici della sua età”.