Scuola, Reggio Emilia: studente sospeso minaccia ritorsioni, denunciato
Scuola, Reggio Emilia: studente sospeso minaccia ritorsioni, denunciato

Ha suscitato non poco clamore, la grave vicenda accaduta presso un istituto scolastico sull’Appennino reggiano. Un giovane studente è stato denunciato dai Carabinieri di Castelnuovo Monti alla Procura, per alcuni gravi reati. Tra questi, rientrano: l’interruzione di pubblico servizio, minacce e violenze nei confronti dei docenti. Il giovane frequenta l’istituto Cattaneo Dall’Aglio ed era stato sospeso per cattiva condotta. Nonostante ciò, il ragazzo si era recentemente ripresentato a scuola, pretendendo di entrare in classe nonostante il provvedimento punitivo preso nei suoi confronti. Le Forze dell’Ordine sono state informate dal dirigente scolastico, preoccupato del comportamento minaccioso dello studente.

Scuola, studente sospeso pretende di entrare: ecco quanto accaduto

Il giovane, nonostante la sospensione per cattiva condotta, ha preteso di entrare in classe. Alla fine è riuscito nel suo intento con forza e prepotenza, interrompendo le lezioni che si stavano svolgendo in quel momento, minacciando inoltre il corpo docente. Tra questi, il ragazzo ha aggredito verbalmente un insegnante in particolare, promettendogli possibili ritorsioni future all’esterno dell’istituto, qualora non avesse provveduto ad alzargli la media scolastica. Sono infine intervenuti i Carabinieri. Il ragazzo è stato denunciato e, tra le numerose accuse, ci sono anche quelle di violenza ed interruzione di pubblico servizio. Durante le lezioni in corso, i docenti sono infatti considerati giuridicamente incaricati di un pubblico servizio.

Minacciato il corpo docente, il ragazzo dovrà essere seguito da esperti

L’atteggiamento del ragazzo era stato motivo di timore da parte dei professori. Tuttavia, almeno all’inizio, il preside e gli insegnanti avevano cercato di risolvere il problema in maniera pacifica. Purtroppo, il comportamento violento e prepotente del giovane era divenuto intollerabile. Ecco dunque, il motivo dell’intervento dei Carabinieri. Denuncia a parte, sarà necessario che il ragazzo venga seguito da esperti, al fine di aiutarlo a superare il suo carattere turbolento ed inaccettabile dal punto di vista sociale.