Ultime notizie scuola, giovedì 23 febbraio 2017: nota Miur su bonus erogati a novembre-dicembre 2016

Il Ministero dell’Istruzione ha provveduto a fornire delle indicazioni in merito al bonus da 500 euro per i docenti in riferimento all’anno scolastico 2015/2016, indicazioni che riguardano tutti coloro che hanno ricevuto l’accredito nei mesi di novembre e dicembre 2016.

La nota Miur N. 3761 del 22 febbraio 2017 stabilisce che ciascun docente dovrà provvedere a presentare il proprio rendiconto delle spese sostenute facendo riferimento alla Nota Miur N. 12228 dello scorso 29 agosto 2016, ovvero entro il 31 agosto 2017.

Ultime notizie scuola, giovedì 23 febbraio 2017: nota Miur su bonus erogati a novembre-dicembre 2016

Nella nota ministeriale, si legge che ai fini della rendicontazione, nel precisare che occorre utilizzare esclusivamente i modelli B allegati alla citata nota MIUR, che dovranno essere successivamente trasmessi agli Uffici scolastici regionali territorialmente competenti, si forniscono alcune brevi indicazioni per una corretta compilazione del modello in questione.

  •  – nella colonna “totale importo speso” va indicata la spesa complessiva risultante dalla dichiarazione presentata alla scuola dal docente con il modello A;
  • – nella colonna “totale importo rendicontato” va indicata la spesa rendicontata fino ad un importo massimo di Euro 500, poiché costituisce oggetto di rendicontazione esclusivamente la somma resa disponibile mediante l’erogazione del bonus.
  • – nell’ultima colonna “tra le spese rendicontate indicare l’importo di eventuali spese per acquisto di beni o servizi inammissibili, non rientranti nell’elenco di cui all’articolo 4 del DPCM 23/9/2015 “, vanno inseriti gli importi delle eventuali spese inammissibili e/o non rendicontate correttamente con riferimento alla somma di euro 500.
Potrebbe interessarti:  Bussetti smentisce chi parla di tagli al sostegno: a breve nuovo TFA

Bonus docenti 500 euro novembre-dicembre 2016: rendicontazione entro il 31 agosto 2017

Il Miur, poi, ha riportato alcuni esempi di compilazione, con particolare riferimento ai dati da inserire nell’ultima colonna del citato modello B:
  • – Speso 600 Euro di acquisto hardware e software, rendicontato 500 Euro, ma è stata acquistata una stampante da 80 Euro: nell’ultima colonna va indicato zero;
  • – Speso 510 Euro di acquisto hardware e software, rendicontato 500 Euro, ma è stata acquistata una fodera per p.c da 20 Euro: inserire 10 Euro nell’ultima colonna;
Per la valutazione delle spese inammissibili si rimanda comunque all’articolo 4 del DPCM 23 settembre 2015, alla conseguente circolare 12228 del 29 agosto 2016 e alle FAQ di questo Ministero.