Insegnante stroncata da infarto mentre il fratello viene arrestato dai CC
Insegnante stroncata da infarto mentre il fratello viene arrestato dai CC

La donna, forse sconvolta da ciò che stava succedendo, si è accasciata improvvisamente al suolo stroncata da un infarto. Come scrive il quotidiano on-line lacnews24.it, l’insegnante – molto stimata in paese – non ha retto alla tensione mentre i carabinieri eseguivano il loro lavoro: un’ordinanza cautelare nei confronti del fratello Nicola, nel corso dell’operazione “provvidenza 2”: Mimma Comerci, sorella dell’imprenditore arrestato il 21 febbraio a Gioia Tauro (RC), è morta così.

Stroncata da un infarto per la vergogna

La docente era molto conosciuta a Gioia Tauro, e forse proprio per questo motivo ha accusato il malore che l’ha poi stroncata. L’uomo, infatti, quella notte è stato svegliato dal suono del campanello di casa. Svegliatosi, è andato alla porta e si è trovato di fronte ai carabinieri con la notifica di un’ordinanza di custodia cautelare. L’imprenditore, non sapendo a chi altro rivolgersi in un momento così difficile, ha contattato subito la sorella, affinché lo aiutasse a preparare il “sacco” degli indumenti e gli oggetti personali da portare con sé in carcere. La donna, molto stimata in paese, non aveva mai vissuto un’esperienza di questo tipo.
Difficile accettare la realtà, quando le forze dell’ordine si presentano in casa per prelevare un parente, anche nel caso fosse accusato di uno dei reati più gravi. Mimma Comerci, proprio per questo motivo, pare abbia avuto un’accesa discussione con gli agenti dell’Arma; nulla, però, che lasciasse presagire un simile, drammatico epilogo. La donna, d’improvviso si è portata le mani al petto e si è accasciata al suolo. Nonostante i soccorsi siano stati immediati, purtroppo è spirata prima ancora di arrivare al pronto soccorso dove i medici, inutilmente, hanno tentato di rianimarla.

Potrebbe interessarti:  Scuola, bonus docenti 500 euro e merito ultime notizie: si lavora per 'interventi migliorativi'

Una docente stimata da tutti a Gioia Tauro

Ieri pomeriggio, il paese ha dato l’ultimo saluto ad una docente benvoluta e conosciuta da tutti, sorella di un’altra insegnante (Antonietta) e presidente dell’Associazione donne insegnanti calabresi.  A suo fratello, Nicola Comerci, resta il dolore di dover affrontare la carcerazione insieme a un lutto gravissimo, avvenuto
in seguito (e forse a causa) del suo arresto.