Assenza ingiustificata per malattia: quando e sanzioni
Assenza ingiustificata per malattia: quando e sanzioni

Le assenze per malattia richiedono la reperibilità del lavoratore sia nei giorni feriali, che festivi. Attualmente (in attesa della riforma Madia e delle novità) gli orari di reperibilità per i lavoratori privati sono dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, mentre per quelli pubblici dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. Secondo l’articolo 2110 del Codice civile il lavoratore in malattia ha diritto alla retribuzione o a un’indennità nella misura e per il tempo normalmente stabiliti dai contratti collettivi e non può essere licenziato sino alla fine del comporto. Ma ciò è valido a meno che il dipendente non faccia un’assenza ingiustificata.
Scuola, assenze per malattia: quali sono, cosa fare, retribuzione, decurtazione

Assenza ingiustificata al controllo della visita fiscale

Quando arriva la visita fiscale di controllo ad lavoratore assente per malattia e questi non è a casa, viene considerata un’assenza ingiustificata. Se il lavoratore non presente, arriva a casa mentre il medico è ancora lì, la visita potrebbe ancora essere effettuata, ma il lavoratore dev’essere informato che è suscettibile di sanzione amministrativa, a meno che non presenti all’Inps una idonea dichiarazione/certificazione giustificativa. Ma vi sono antri casi considerati ‘assenza ingiustificata’. Qualsiasi condotta del malato che impedisce l’esecuzione del controllo per incuria, negligenza o altro motivo può avere lo stesso effetto di un’assenza vera e propria. Qualche esempio? Il citofono che non funziona bene, sordità, mancata indicazione del nome del lavoratore sul citofono, non aver udito il campanello o il citofono per qualsiasi motivo. In questi casi il medico verbalizza la situazione e rilascia l’invito a presentarsi alla visita di controllo ambulatoriale il primo giorno successivo non festivo nella cassetta delle lettere o a un familiare.
Scuola, assenze per malattia, guida: periodo di comporto, quali sono esenti da decurtazione e controllo

Le sanzioni per le assenze ingiustificate

L’assenza ingiustificata alla visita medica di controllo, oltre all’applicazione delle sanzioni disciplinari, comporta la non indennizzabilità della malattia:

  • fini a 10 giorni di calendario in caso di prima assenza alla visita di controllo,
  • per il 50% dell’indennità in caso di seconda assenza a visita,
  • per il 100% dell’indennità dalla data della terza assenza.

Puoi seguire tutti i nostri articoli e aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook.