Mobilità scuola 2017: cosa succede se la richiesta non viene soddisfatta?
Mobilità scuola 2017: cosa succede se la richiesta non viene soddisfatta?

Molti docenti non hanno ancora chiaro cosa succede nel momento in cui presentano domanda di trasferimento nella mobilità scuola 2017, ma la loro richiesta non viene accolta. Perdono la titolarità attuale? Cambia qualcosa nel punteggio della graduatoria interna di Istituto? Innanzi tutto vogliamo ricordare che per quest’anno sarà possibile ottenere la titolarità sia di ambito, che di scuola, naturalmente nel caso la richiesta venisse accolta. Ciò significa che un docente titolare di scuola, ha la possibilità di ottenere la titolarità su un’altra scuola. Ma con quali conseguenze se la sua domanda non venisse accolta?
Mobilità 2017/2018 scuola: date previste dal Miur per la presentazione della domanda, anticipazioni

Domanda mobilità scuola 2017: se non viene accolta

E’ giusto chiarire che la presentazione della domanda di trasferimento nella mobilità scuola 2017 modifica la titolarità del docente e il suo punteggio soltanto se questi viene soddisfatto nella domanda, ottenendo il trasferimento richiesto. Se presenta una richiesta con una sola o più preferenze, ma questa non viene accolta, non ci sarà per lui nessuna modifica. La sola presentazione della domanda non comporta nessun effetto sulla sede di titolarità o nessuna decurtazione del punteggio spettante per la graduatoria interna di istituto.
Potrebbe interessarti: Mobilità 2017/18, le precedenze: quali sono e come si applicano
Puoi seguire tutti i nostri articoli e aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook.

Potrebbe interessarti:  Precari con 36 mesi di servizio: concorso riservato o fase transitoria