Scuola, assunzioni precari: soluzioni in arrivo dal ministro Fedeli?
Scuola, assunzioni precari: soluzioni in arrivo dal ministro Fedeli?

Soluzioni e assunzioni per precari e Buona Scuola: i conti non sono mai tornati. Finalmente sembra che il ministro Fedeli abbia preso atto della verità valutando i numeri del precariato scolastico. Nella rassegna stampa della FLC CGIL troviamo un articolo a firma di Corrado Zunino su Repubblica.it che tratta l’argomento e spiega le intenzioni del Governo. Lui afferma che “la Buona scuola bis, questa del ministro Valeria Fedeli su mandato di Paolo Gentiloni, ha scelto di recuperare i precari abilitati e addirittura i non abilitati con tre anni di insegnamento e di dar loro una chance speciale.”

Precari della scuola: la situazione

Valeria Fedeli in questi giorni ha chiesto i numeri del precariato scolastico al suo staff nel dettaglio. La Legge 107 aveva prosciugato le Graduatorie di I fascia, affidato le chanche della II fascia ai bandi di concorso triennali e abbandonato al loro destino i precari della III fascia (laureati senza abilitazione). Le sentenze dei tribunali amministrativi hanno rivoluzionato nuovamente le GaE e i numeri. Secondo le ultime stime del Pd, gli iscritti solo nelle Gae, oggi, sono 132.800, di cui 106.000 esclusivamente per l’infanzia. Di fatto, sono 88.000 persone (è possibile iscriversi in più cdc). Le soluzioni previste per le scuole dell’Infanzia non potranno bastare ad assumere tutti.

Soluzioni in arrivo dalla Fedeli per i precari?

Le leggi delega, si legge nell’articolo di Zunino, servono per preparare un biennio 2017-2018 su misura per categorie di docenti precise, classi di concorso non coperte e regioni specifiche. La Fedeli ha affermato che entro il prossimo settembre si aprirà la “fase provvisoria”, che prevederà un unico concorso dedicato ai precari. Gli interessati sono gli abilitati di II fascia e i non abilitati della III fascia con almeno 36 mesi di insegnamento in classe. I primi faranno un concorso light, ovvero solo la prova orale. I secondi un solo scritto, anziché due. Per entrambe le categorie il tirocinio in classe verrà ridotto da tre a un anno. Gli interessati sono tra i 150 e i 200mila. Resta da vedere se ai precari queste soluzioni stanno bene.

Potrebbe interessarti:  Docenti precari della terza fascia in assemblea