Bonus mamme domani 2017: la circolare Inps, chi può richiederlo e come fare domanda

La circolare Inps numero 39 del 27 febbraio 2017 fornisce le indicazioni dei requisiti per usufruire del Bonus mamme domani 2017 al fine di poter beneficiare del nuovo provvedimento introdotto dalla Legge di Bilancio in aiuto alle future mamme. Ricordiamo, inoltre, che il bonus mamme domani non rappresenta l’unica misura adottata a sostegno delle donne incinte: infatti, vengono confermati anche voucher baby sitter e asilo nido e il bonus bebé.

Bonus mamme domani 2017: la circolare Inps, chi può richiederlo e come fare domanda

Tornando al Bonus mamme domani 2017, la circolare Inps ha confermato l’importo di 800 euro
indicato nella legge di Bilancio, ma chi potrà richiederlo e come compilare la domanda?

Innanzitutto, potranno fare richiesta tutte le donne incinte al settimo mese di gravidanza: per quanto concerne, invece, i requisiti Isee non sono previste soglie economiche. La circolare Inps, inoltre, ha precisato che, a breve, verranno specificate le modalità di presentazione delle richieste.
Per richiedere il bonus mamme domani 2017 sarà, dunque, necessario presentare il modello Isee 2017 e, in attesa di ulteriori delucidazioni da parte dell’Inps e dell’apertura delle domande, è opportuno conoscere quanto segue.
Sono 600 i milioni di euro stanziati dal governo per le agevolazioni alle nascite: oltre che per le donne in gravidanza, rappresentano delle misure a sostegno della famiglia. Ecco i requisiti richiesti per la presentazione delle domande per il Bonus mamme domani 2017:

  • residenza in Italia;
  • cittadinanza italiana o comunitaria; le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria sono equiparate alle cittadine italiane per effetto dell’art. 27 del Decreto Legislativo n. 251/2007;
  • per le cittadine non comunitarie, possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all’articolo 9 del Decreto Legislativo n. 286/1998 oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini UE previste dagli artt. 10 e 17 del Decreto Legislativo n. 30/2007, come da indicazioni ministeriali relative all’estensione della disciplina prevista in materia di assegno di natalità alla misura in argomento (cfr. circolare INPS 214 del 2016).
Il Bonus mamme domani potrà essere concesso anche in ottemperanza ai seguenti eventi verificatisi dal 1° gennaio 2017:
  • compimento del 7° mese di gravidanza;
  • parto, anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza;
  • adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184/1983;
  • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, comma 6, della legge 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34 della legge 184/1983.
Potrebbe interessarti:  Scuola, crisi di Governo ultime notizie: per nuovo esecutivo il M5S punta dritto a prendersi il Miur