diplomati in ansia

 

I diplomati magistrali manifestano timore per i ricorsi che il Tar sta rigettando. Si tratta dei decreti di aggiornamento delle Gae successivi a quello del 2014. Allora c’era l’aggiornamento triennale delle Gae che escludeva i diplomati magistrali ante 2001/2002 dall’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento. I decreti del 2015 e del 2016 erano semplici decreti di scioglimento della riserva per chi già vi si trovava dentro. Ciò che gli avvocati tutti hanno fatto è stato quello di impugnarli nuovamente contestando la continua esclusione dei diplomati magistrali. La questione sembra ormai delineata per chi impugnò l’originario decreto del 2014.

I RIGETTI CON SENTENZA SEMPLIFICATA

I ricorsi proposti per l’impugnazione del dm. 325/2015 e 495/2016 erano stati in molti casi accolti in fase cautelare. Successivamente, con sentenza semplificata, il Tar li respingeva motivando con la necessità di manifestare il vero interesse all’inserimento mediante impugnazione dell’originario decreto di aggiornamento triennale delle Gae del 2014. Inoltre giustificava tali rigetti col difetto di giurisdizione dietro quanto decretato dalla Cassazione. Spetterebbe al giudice del lavoro la competenza sui decreti 325/2015 e 495/2016. Di recente, nel corso di un convegno svoltosi a Firenze, l’avv. Bonetti rassicurava pertanto tutti quelli che avevano proposto ricorso col 235/2014.

DISCRIMINAZIONE IMPROBABILE

In verità la motivazione dei ricorsi che sta seminando il panico tra i diplomati magistrali appare, agli occhi di chi scrive, alquanto cavillosa. Si sta cioè verificando lo stesso scenario di quando il Tar respingeva i primi ricorsi nel 2014. I successivi interventi del Consiglio di Stato hanno più volte chiarito sia la competenza che resta alla giustizia amministrativa, sia il diritto dei diplomati magistrali all’inserimento in Gae. L’ultimo atto dovrà verificarsi col merito della Plenaria che si dovrebbe tenere a breve. Qualora venisse confermato questo diritto, come in molti ritengono, apparirebbe perlomeno bizzarro che fosse limitato solo a chi ha fatto ricorso per tempo.
 

Potrebbe interessarti:  Classi pollaio, diciamo 'sì' alle telecamere!