Ultime notizie scuola, lunedì 6 marzo 2017: i docenti sardi hanno accolto così la ministra Fedeli

La ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, è in visita questa mattina in alcune scuola della Sardegna (a Cagliari, Ghilarza, nei pressi di Oristano e ad Alghero) e, naturalmente, ad accoglierla non potevano mancare i rappresentanti del Comitato delle valigie del 10 agosto: probabilmente, ricorderete il vasto eco mediatico che ottenne la protesta di questi insegnanti, legata soprattutto al contestatissimo piano assunzionale della Buona Scuola che decretò, di fatto, per molti di essi, l’allontanamento coatto dalle proprie residenze.

Ultime notizie scuola, lunedì 6 marzo 2017: i docenti sardi hanno accolto così la ministra Fedeli

Ministro Fedeli, si faccia ispirare da Gramsci e cancelli errori, ingiustizie e torti della Buona scuola. La disparità di trattamento scaturita con l’invenzione delle Fasi 0, A, B, C, ha contribuito a dividere i docenti, tutelando i diritti di alcuni a discapito di altri, utilizzando regole e norme diverse. Non esistono carabinieri di fase A, B, etc, ma carabinieri e basta’. Questo l’esplicito messaggio che è stato rivolto alla ministra dell’Istruzione.

Mobilità docenti 2017/8: ‘Ministra Fedeli, cancelli errori, ingiustizie e torti della Buona Scuola’

Per quanto concerne la questione legata ai trasferimenti, il Comitato delle valigie del 10 agosto ritiene che la Legge 107 abbia stravolto le regole e ‘complicato la vita ed il lavoro dei docenti costringendo, in particolare, quelli assunti in fase B, a spostarsi a centinaia di chilometri da casa o fuori dalla propria regione. Precari storici che ora attendono un’assegnazione provvisoria per potersi riavvicinare nelle province dove hanno lavorato per anni.’
E la nuova mobilità prevista per l’anno scolastico 2017/2018 riuscirà a sanare almeno parzialmente le numerose ingiustizie? Le previsioni sono pessimistiche, visto che i docenti sono convinti che si tratti dell”ennesimo salto nel buio per tantissimi insegnanti di ogni ordine e grado, a causa della mancanza di dati sui posti disponibili’.
Potrebbe interessarti:  I ciclo Tfa Sostegno a primavera, aperto anche ai neo laureati