Mobilità docenti 2017/8: titolarità a rischio contenzioso, ecco perché
Quella della titolarità su istituto anziché su scuola è, senza dubbio, una delle novità più sgradite ai docenti tra quelle previste dall’ipotesi del nuovo contratto mobilità 2017/8. Anche perché si rischia il contenzioso seriale. Come senz’altro già saprete, dal prossimo 1° settembre i docenti delle scuole secondarie non saranno più titolari sulla scuola dove insegnano, ma su tutta l’istituzione scolastica dove risulta inclusa la scuola di attuale titolarità. Una sorta di mini ambito, con il dirigente scolastico che sarà chiamato a decidere dove assegnare i docenti: una scelta che potrebbe risultare indigesta per gli insegnanti nel caso in cui vi siano dei plessi ubicati in comuni diversi.

Docenti non più titolari sulla scuola dove insegnano ma su tutta l’istituzione scolastica

In ogni caso, il dirigente scolastico non avrebbe ‘pieni poteri’ come per la chiamata diretta, ovvero a seconda del proprio gradimento ma sarà chiamato a rispettare l’applicazione di regole interne che dovranno essere stipulate al tavolo negoziale di istituto con le RSU.
Ne dà notizia il quotidiano ‘Italia Oggi’ di martedì 7 marzo che sottolinea, comunque, il pericolo del sorgere di contenziosi, per due principali motivi: il primo è legato al venir meno di diritti che sembravano acquisiti per legge; il secondo deriva dalla stretta connessione delle decisioni agli esiti del negoziato interno con le RSU, sia nel caso che l’accordo venga raggiunto oppure no.

Mobilità docenti 2017/8: titolarità a rischio contenzioso, ecco perché

Gli elementi per dar vita ad un contenzioso ci sono davvero tutti, a cominciare dalla negazione del diritto di titolarità nella scuola attuale, per di più con l’aggravante dell’assoggettamento alle decisioni del dirigente scolastico. Ci troveremmo di fronte, poi, alla violazione di una legge visto che la 107/2015 garantisce il diritto alla conservazione del diritto di titolarità della cattedra nella scuola attuale. Infine, c’è da considerare l’eventuale danno patrimoniale subìto dal docente, danno che deriva dalle maggiori spese da sostenere dovute al pendolarismo per raggiungere una eventuale sede diversa più lontana.
Potrebbe interessarti:  Le tre fasi della Mobilità 2019