Ultime notizie scuola, martedì 7 marzo 2017: oggi incontro decisivo Miur-sindacati sulla chiamata diretta

Giornata decisamente importante quella di oggi, martedì 7 marzo, visto che è in programma, alle ore 10, presso la sede di Viale Trastevere 76, l’incontro ritenuto decisivo tra Miur e sindacati per la stipula dell’accordo che andrà a regolare il passaggio dei docenti da ambito a scuola.
Saremmo, dunque, giunti alla stretta finale della questione chiamata diretta.

Ultime notizie scuola, martedì 7 marzo 2017: oggi incontro decisivo Miur-sindacati sulla chiamata diretta

Come sottolineato dal numero odierno di ‘Italia Oggi’, i vertici ministeriali propongono, in ultima sede, un’ulteriore riduzione del numero dei requisiti da correlare alle competenze richieste agli insegnanti: nella tabella, però, non troveremo né l’anzianità di servizio, né i punteggi. Ne deriva che i dirigenti scolastici potranno scegliere secondo gradimento e qualora lo ritenessero opportuno sentire il parere del Collegio docenti. Il Miur ha, comunque, tolto dall’elenco delle competenze il titolo di aver ricoperto, in passato, l’incarico di vicario.
L’amministrazione sta facendo pressione affinché si possa arrivare ad un accordo anche perché i termini ipotizzati per avviare le operazioni di mobilità sono imminenti e molto stretti (dal 14 al 31 marzo con eventuale proroga al 3 aprile.

Potrebbe interessarti:  Scuola, bonus docenti 500 euro e merito ultime notizie: si lavora per 'interventi migliorativi'

Chiamata diretta notizie 7 marzo: passaggio docenti da ambito a scuola al termine delle operazioni mobilità

Le operazioni di chiamata diretta, in ogni caso, avverranno sicuramente dopo l’esito delle operazioni di mobilità: infatti, il docente che avrà conservato oppure avrà conseguito la titolarità sull’istituzione scolastica non sarà soggetto alla chiamata diretta al contrario dei docenti titolari o trasferiti su ambito.
La chiamata diretta si svolgerà in due fasi: la prima riguarderà la presentazione di un curriculum presso le scuole dove vi siano disponibilità di posti; la seconda sarà relativa all’assegnazione d’ufficio del docente in una delle scuole dove saranno rimasti ancora dei posti disponibili.