Ultime notizie scuola, giovedì 9 marzo 2017: Anief, 'Scorrere Graduatorie di Merito oltre il 10%'

Si torna a parlare di immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2017/8 e delle Graduatorie di Merito dell’ultimo concorso docenti: al centro delle polemiche, naturalmente, quel famoso ‘paletto’ del dieci per cento di idonei previsto nei bandi ministeriali, una percentuale che, in molte regioni e classi di concorso, non potrà garantire la copertura di tutti i posti disponibili.

Tra l’altro, proprio in questi giorni, il TAR ha emanato alcune ordinanze in merito ai ricorsi presentati dai docenti che si sono collocati oltre la fatidica soglia del 10% degli idonei: in queste ordinanze il giudice ha stabilito che gli Uffici Scolastici non possono evitare di pubblicare le Graduatorie di Merito complete, in quanto costituisce diritto di coloro che hanno partecipato al concorso conoscere la posizione occupata in relazione agli altri candidati.

Ultime notizie scuola, giovedì 9 marzo 2017: Anief, ‘Scorrere Graduatorie di Merito oltre il 10%’

A prendere la parola a questo riguardo, il Presidente dell’Anief, Marcello Pacifico, il quale ha sottolineato come non si possa pensare che ‘dei candidati idonei e che hanno proficuamente superato tutte le prove, i cosiddetti #idoneifantasma, debbano essere costretti a sottoporsi a un nuovo futuro concorso, soprattutto quando i posti disponibili ai fini delle immissioni in ruolo non dovessero essere ‘coperti’ con le sole graduatorie ritenute utili, ossia quelle contenenti il famoso 10% degli idonei. Il Presidente dell’Anief e segretario Cisal confida ‘che il Parlamento accolga la nostra proposta emendativa e provveda a sanare nell’immediato quest’ulteriore stortura prevista nei Bandi dell’ultimo concorso docenti’.

Potrebbe interessarti:  Assunzioni 2019/20, ma non per tutti: cdc in esubero, aggiornamento del 18 luglio

Immissioni in ruolo, Anief ‘Impensabile sottoporre #idoneifantasma a nuovo concorso’

Lo scorrimento per intero delle Graduatorie di Merito permetterebbe, tra l’altro, al Ministero dell’Istruzione di rispettare integralmente il numero dei posti messi al bando e previsti dallo stesso dicastero di Viale Trastevere per il prossimo triennio 2017/2020.

Marcello Pacifico ha sottolineato che nel caso in cui il Parlamento non dovesse prendere in considerazione la proposta Anief ‘il nostro sindacato è comunque già pronto a proseguire la propria battaglia in tribunale e siamo certi che otterremo ragione’.